CINA. Nel Domino Evergrande cade Modern Land China

245

Modern Land China (MoMa) è l’ultimo sviluppatore immobiliare della più grande economia asiatica a non aver pagato un’obbligazione in dollari. La società non è riuscita a pagare gli interessi e il capitale dovuti su un’obbligazione da 250 milioni di dollari, secondo un deposito del 26 ottobre alla borsa di Singapore, dove è quotata l’obbligazione. La società ha affermato che sta lavorando per superare la crisi.

Il bond non è stato pagato, «a causa di problemi di liquidità imprevisti derivanti dall’impatto negativo di una serie di fattori tra cui l’ambiente macroeconomico, l’ambiente del settore immobiliare e la pandemia di COVID-19 affrontata dal gruppo», afferma la nota, ripresa da Nikkei.

Fantasia Holdings, Sinic Holdings e China Properties sono già inadempienti sulle obbligazioni offshore questo mese, mentre China Evergrande Group ha evitato per un pelo il default pagando puntualmente la cedola la scorsa settimana. Evergrande affronta un’altra scadenza il 29 ottobre. Le agenzie di rating globali hanno già ridotto il loro punteggio su un record di 44 sviluppatori cinesi questo mese, poiché i problemi di liquidità aumentano a causa dell’aumento delle scadenze.

Modern Land la scorsa settimana ha abbandonato la proposta di estendere il rimborso dell’obbligazione e la mattina successiva ha interrotto le negoziazioni delle sue azioni e titoli di debito in attesa di un altro annuncio. La sospensione del commercio rimane in vigore, ha affermato nell’ultimo comunicato.

Un giro di vite normativo sugli sviluppatori immobiliari cinesi da parte delle autorità, che intendono frenare l’eccessiva leva finanziaria prima che scateni una crisi finanziaria, ha chiuso le vie di finanziamento per gli sviluppatori. In base alle regole emanate lo scorso anno, le società possono aumentare i prestiti solo se i loro bilanci soddisfano le linee guida relative a indebitamento netto, liquidità e altre linee guida secondo le cosiddette regole delle “tre linee rosse”. Il giro di vite ha spinto le banche a ridurre la loro esposizione al settore e le società non hanno sfruttato il mercato obbligazionario offshore da oltre un anno.

Nonostante tali mosse, i mancati pagamenti di Evergrande e le inadempienze di rivali “più piccoli” hanno suscitato timori di contagio in tutto il sistema finanziario cinese da 50 milioni id miliardi di dollari nelle ultime settimane.

S&P Global Ratings a settembre aveva stimato che gli sviluppatori avrebbero dovuto riscattare 480 miliardi di yuan in obbligazioni interne e offshore nel prossimo anno, pari a quasi un quarto delle loro riserve di liquidità libere. Il primo grande round di scadenze è previsto per gennaio, con circa 6,2 miliardi di dollari in obbligazioni offshore in scadenza, secondo l’agenzia di brokeraggio Cgs-Cimb.

Le autorità hanno cercato di rassicurare i mercati dicendo che il settore rimane sano e Evergrande, con 300 miliardi di dollari di passività, è un caso isolato. La scorsa settimana il vicepremier Liu He ha dichiarato a un forum di Pechino che i rischi di Evergrande sono controllabili e che le ragionevoli richieste di capitale da parte delle società immobiliari vengono soddisfatte, secondo Xinhua. Il governatore Yi Gang della People’s Bank of China ha espresso opinioni simili.

In effetti, alcuni sviluppatori stanno mostrando segni di essere in posizioni relativamente forti. China Overseas Land and Development e China Resources Land, società di Stato, sono state tra le più attive nelle aste di terreni a causa del calo della domanda. Altri, come Country Garden e Hopson Development, hanno concordato accordi per acquistare beni dai loro rivali in difficoltà o stanno cercando di acquistarli.

Graziella Giangiulio