MAR CINESE MERIDIONALE. Manovre nippo-americane dopo quelle sino-russe

101

Un gruppo d’attacco di una portaerei statunitense sta conducendo manovre congiunte con un cacciatorpediniere giapponese nel Mar Cinese Meridionale, giorni dopo che Cina e Russia hanno concluso le esercitazioni nella regione.

La Uss Carl Vinson e il suo gruppo d’attacco sono nelle acque per le esercitazioni con la JS Kaga della Japan Maritime Self-Defence Force. Eseguiranno operazioni di volo, addestramento tattico coordinato tra unità di superficie e aeree, ed esercizi di attacco marittimo, recita un comunicato della Settima Flotta della Marina degli Stati Uniti, ripreso a Nikkei.

Queste esercitazioni avvengono dopo che la Cina e la Russia hanno condotto pattugliamenti congiunti, un addestramento antisommergibile e un primo passaggio congiunto attraverso lo stretto di Tsugaru nell’arcipelago giapponese, in quello che è stato visto come una mossa per contrastare la pressione degli Stati Uniti e dei suoi alleati.

Il contrammiraglio Daniel Martin, comandante del gruppo di attacco Uss Carl Vinson, ha detto nella dichiarazione che le operazioni bilaterali erano una «componente chiave della nostra prontezza marittima collettiva (…) L’Indo-Pacifico è una regione dinamica e continuando a condurre operazioni di routine con i nostri alleati e partner nelle acque internazionali e nello spazio aereo, dimostriamo il nostro incrollabile impegno a sostenere il diritto internazionale, in mare e in aria, e a garantire che tutte le nazioni possano fare lo stesso senza paura o contestazioni».

La Marina degli Stati Uniti starebbe evidenziando la sua alleanza con il Giappone in risposta alla recente attività di Cina e Russia. Dallo scorso anno, gli Stati Uniti e il Giappone hanno condotto esercitazioni congiunte nel Mar Cinese Meridionale molte volte, ma questa è la prima volta che la Cina e la Russia hanno organizzato un’esercitazione congiunta negli ultimi anni.

Sia gli Stati Uniti che il Giappone hanno cercato di evidenziare le loro partnership quando si tratta con la Cina, gli Stati Uniti sperano che il Giappone svolga un ruolo attivo nelle situazione di Taiwan, mentre Tokyo vuole il sostegno di Washington nella questione delle isole Diaoyu / Senkaku.

Nelle esercitazioni della scorsa settimana, cinque navi da guerra cinesi e cinque russe hanno attraversato lo stretto di Tsugaru – che separa le isole giapponesi di Honshu e Hokkaido – dal Mar del Giappone il 18 ottobre, secondo il ministero della difesa giapponese. Cinque giorni dopo, il ministero della difesa cinese ha detto che 10 navi e sei elicotteri delle due nazioni hanno effettuato pattugliamenti congiunti nel Mar del Giappone, nel Pacifico occidentale e nel Mar Cinese orientale per una settimana a partire dal 17 ottobre.

Tommaso Dal Passo