GRECIA. COSCO possiede oggi il 67% del Pireo

128

Il 25 ottobre, l’agenzia greca per le privatizzazioni, il Fondo di sviluppo del patrimonio della Repubblica ellenica – Hradf, ha trasferito azioni corrispondenti a un’ulteriore quota del 16% nel porto del Pireo a China Cosco Shipping Corp.

Il mese scorso il parlamento greco aveva approvato un accordo con Cosco che gli permette di aumentare la sua partecipazione nel più grande porto della Grecia, aprendo la strada a un grande investimento. Il parlamento greco ha approvato il nuovo contratto, che dà alla compagnia di navigazione cinese una quota maggiore nell’Autorità Portuale del Pireo, Ppa, riporta Cgtv.

Nell’accordo originale che Cosco ha raggiunto con il governo greco nel 2016, l’operatore del terminal si è impegnato a investire 340 milioni di dollari nelle infrastrutture del porto entro il 2021.

«Il porto del Pireo è un’ottima posizione in Europa ed è un’ottima porta per l’Europa meridionale e il Mediterraneo. Quindi, per noi che muoviamo molti container, questo porto è una via d’uscita non solo per l’Europa meridionale, ma per tutto il continente», ha detto il presidente dell’Autorità Portuale del Pireo, Yu Zenggang.

Oltre all’aumento della capacità dei container e del carico, sta aumentando anche il numero di posti di lavoro nell’area portuale e dintorni: «Pensiamo che daremo molte opportunità alla gente locale e alla società. Creeremo più posti di lavoro, dagli operai alle posizioni più alte. Ogni anno ora stiamo creando 3.000 posti di lavoro, nella movimentazione di container e merci. Il nostro obiettivo è di creare circa 10.000 posti di lavoro nei prossimi cinque anni, dentro e intorno al porto», ha aggiunto Yu.

Cosco, il più grande gruppo marittimo cinese, riporta China Daily, possiede ora il 67% di Ppa. Nel 2016 Cosco pagò a Hradf 280,5 milioni di euro per l’acquisizione iniziale di una quota del 51% della Ppa. Pagherà altri 88 milioni di euro entro cinque anni per l’ulteriore 16%, secondo il nuovo accordo.

Oltre a beneficiare l’economia greca, il progetto è stato utile per aumentare i legami economici e commerciali tra la Cina e l’Europa, in quanto è già diventato un importante hub commerciale e di trasporto per le merci in entrambi i modi, secondo Xu Lirong, presidente di Cosco Shipping.

Il gruppo cinese ha usato il porto del Pireo come un hub di trasbordo per le esportazioni asiatiche verso l’Europa che arrivano su navi container dalla Cina, poiché è il porto occidentale più vicino al canale di Suez in Egitto.

Nel 2010, i container lavorati nel porto del Pireo hanno totalizzato 880.000 Teu, mentre nel 2020 hanno raggiunto 5,45 milioni di Teu, nonostante l’interruzione della pandemia. Mentre la navigazione, il volume dei trasporti e le catene di approvvigionamento hanno sofferto a livello globale, il porto del Pireo è riuscito a superare la pandemia in stretta conformità con le regole di sicurezza stabilite dalle autorità greche.

L’acquisto di una quota di maggioranza del porto del Pireo faciliterà la Cina, la Grecia e le altre economie che partecipano alla Belt and Road Initiative per ampliare il loro volume di esportazioni e generare opportunità di business nel settore dei servizi.

Il porto del Pireo ha attualmente sei segmenti di attività principali, vale a dire terminali per container, logistica e magazzinaggio, operazioni di riparazione e costruzione di navi, terminali per crociere, terminali per automobili e terminali per traghetti. La sua capacità annua di trasporto di container ha raggiunto i 7,2 milioni di Teu.

Antonio Albanese