CINA. Aumentano i veicoli elettrici, aumenta il costo dei metalli

127

Le vendite di veicoli elettrici sono aumentate di circa il 160% in Cina nel 2021, contribuendo a creare quella che potrebbe diventare una carenza di alcuni metalli chiave necessari per farli, come nichel, cobalto e litio.

La China Association of Automobile Manufacturers ha riferito che le vendite di ibridi plug-in sono più che raddoppiate a 600.000 unità nel 2021 – superando la stima di 480.000 unità che Cox Automotive riporta sono stati venduti negli Stati Uniti nello stesso anno, riporta AF.

Il salto nelle vendite è dovuto in gran parte agli sforzi di Pechino per promuovere i veicoli elettrici, richiedendo alle case automobilistiche di produrli ed estendendo le sovvenzioni statali che erano state impostate per scadere alla fine del 2020. Questi risultati sono in netto contrasto con una crescita molto più tiepida di appena il 3,8% per le vendite complessive di auto nuove.

Ma l’accelerazione delle vendite di veicoli elettrici ha creato una forte domanda di metalli necessari per fare le batterie, come nichel, cobalto e litio. Il London Metal Exchange riporta che l’inventario globale di nichel è sceso del 65% a 88.182 tonnellate dall’aprile 2021, mentre l’inventario di materiale utile per il nichel, da usare per le batterie è sceso del 67% a poco più di 65.000 tonnellate nello stesso periodo.

Si stima che la domanda totale di nichel sia stata di 2,8 milioni di tonnellate nel 2021, l’11% delle quali è stato usato per fare batterie per veicoli elettrici, rispetto al 7% dell’anno precedente. A oltre 24.000 dollari la tonnellata, i prezzi del nichel sono saliti ai livelli più alti dal 2011.

Nel frattempo, le forniture di cobalto hanno subito il blocco del coronavirus in Africa, da dove ne proviene la gran parte, mentre l’aumento delle vendite di veicoli elettrici ha spinto la domanda.

Le spedizioni dalla Repubblica Democratica del Congo, per esempio, rappresentano più del 70% della fornitura globale di cobalto, secondo Benchmark Minerals, secondo cui il settore delle batterie per veicoli elettrici rappresenterà circa 104.000 tonnellate della domanda globale totale di 177.500 tonnellate nel 2022. A oltre 70.000 dollari per tonnellata, il cobalto è al suo prezzo più alto dal 2018.

Anche il litio è diventato molto più costoso, poiché le forniture sono state messe a dura prova; il carbonato di litio, che è usato per le batterie al litio-fosfato di ferro, ha raggiunto livelli record di oltre 50.000 dollari a tonnellata in Cina. Si stima che la domanda di carbonato di litio equivalente colpirà 610.000 tonnellate quest’anno, rispetto alle 490.000 tonnellate dell’anno scorso, creando un potenziale deficit di fornitura di circa 26.000 tonnellate rispetto all’offerta.

Lucia Giannini