Riad: vietato l’energy drink

49

ARABIA SAUDITA – Riad. 14/06/14. I Negozi in città della provincia orientale di Dammam, in Arabia Saudita sono stati avvertiti: ci sarà una politica a tolleranza zero, se non riescono a rispettare le severe restrizioni sulla vendita di bevande energetiche. Gulf News.

 

Nel mese di marzo, il governo saudita ha vietato la vendita di bevande energetiche a tutte le caffetterie, ristoranti e negozi di alimentari a enti governativi e istituzioni, palestre pubbliche e private e fitness e SPA del regno. Secondo la decisione, le bevande energetiche vendute nei negozi devono essere tenute separate da altre bevande in frigoriferi e scaffali. Un avvertimento circa i rischi per la salute associati con le bevande dovrebbe essere visualizzato nella zona in cui sono venduti.

Faris Al Araij, il capo del comune di Damman, ha detto che stava lavorando sul consolidamento delle misure e che ai negozi della città era stato detto che chi non rispetta le restrizioni dovrà affrontare un’azione legale. Adesivi rossi speciali con messaggi di avviso in grassetto sono state date ai negozi per visualizzare in maniera prominente accanto alle bevande energetiche, ha detto, quotidiano locale Al Sharq. Le Bevande energetiche sono pericolose ed è vietato berne più di due lattine al giorno perché può danneggiare la salute, dicono le avvertenze locali.

Le donne in gravidanza, madri in allattamento, persone che soffrono di problemi cardiaci, ipertensione e diabete, persone che sono allergiche alla caffeina e bambini al di sotto dei 16 anni sono a più alto rischio, secondo gli adesivi. Al Araij ha detto che tutti i cartelloni e manifesti che promuovono bevande energetiche nella zona sono stati rimossi. Proprietari di negozi e venditori devono cooperare pienamente con l’amministrazione pubblica e il comune al fine di promuovere uno stile di vita più sano, ha aggiunto.

Il governo saudita è stato imposto il divieto a seguito di uno studio del ministero dell’Interno degli “effetti negativi delle bevande energetiche”.

Tutte le forme di promozione e di pubblicità per le bevande energetiche, siano essi attraverso la stampa, audio o media visivi o altro, non sono ammessi, il gabinetto ha detto.

Il divieto non comprende solo la vendita delle bevande energetiche ma anche le sponsorizzazioni. «Alle aziende di energy drink, agenti, distributori e promotori è vietato sponsorizzare qualsiasi sport, evento sociale o culturale o di impegnarsi in qualsiasi processo che porta alla promozione».