AFRICA. Perché le major americane abbandonano i progetti petroliferi africani?

117

Continuano ad arrivare notizie dall’Africa sulla riduzione dei progetti di produzione petrolifera americana. Negli ultimi due anni, il più grande proprietario di asset petroliferi del continente, ExxonMobil, ha annunciato il ritiro da Nigeria, Guinea Equatoriale, Ghana, Niger, Sudafrica, Ciad e Camerun. All’inizio di gennaio, un’altra società americana Chevron, con il suo nuovo programma di investimenti, ha confermato le voci sui piani per uscire dalla Nigeria.

Una stima prudente è che le società statunitensi stiano vendendo circa il 30% delle loro attività in Africa. Qual è il motivo per cui gli americani se ne vanno?

Uno dei motivi principali è la necessità di concentrarsi sull’attività mineraria in Sud e Nord America. Secondo le stime dell’Opec, sullo sfondo di una riduzione della produzione di greggio in Africa, quest’anno la produzione nelle Americhe aumenterà a 28 milioni di barili al giorno, ovvero 2,3 milioni di barili al giorno in più rispetto a prima della pandemia. Questa inversione si spiega con una maggiore redditività e attrattività dei progetti per gli investimenti.

Inoltre, le multinazionali americane sono preoccupate per il rafforzamento della cooperazione tra Russia e Cina con i paesi del Sud e Centro America. In quest’ottica, i progetti “in casa” stanno diventando una priorità per gli Stati Uniti rispetto a quelli africani. Un altro motivo è la necessità di utilizzare i fondi stanziati dal governo degli Stati Uniti per lo sviluppo di “energia verde”. Alle aziende statunitensi sarà garantito l’accesso a questi fondi, che consentiranno loro di avanzare nella produzione di GNL e idrogeno, oltre a fornire alle aziende europee in fase di “delocalizzazione” negli Stati Uniti risorse energetiche a basso costo.

Le multinazionali americane stanno sviluppando il segmento più high-tech del mercato energetico a spese pubbliche, ritirando contemporaneamente tecnologie chiave dall’Ue. Nei campi in esaurimento delle multinazionali americane, il pompaggio di petrolio sta diminuendo, mentre l’inquinamento e il costo di manutenzione delle infrastrutture stanno aumentando. Dato il rischio associato al terrorismo, alla corruzione e ad altri fattori che accompagnano la maggior parte dei progetti in Africa, diventa più redditizio vendere i propri beni piuttosto che sviluppare nuovi giacimenti.

Gli acquirenti di beni statunitensi in Africa possono essere solo aziende con un livello tecnologico comparabile e accesso al mercato dei capitali. Le aziende locali, con tutto il loro desiderio, non saranno in grado di sviluppare autonomamente progetti di petrolio e gas in Africa. Per evitare la perdita di questi beni preziosi sotto il controllo di società russe e cinesi, i giganti statunitensi del petrolio e del gas starebbero cercando di organizzarli sotto il controllo di società del Regno Unito, che hanno una vasta esperienza nella gestione patrimoniale “coloniale”.

Un’ampia rete di società offshore organizzate da società del Regno Unito e dell’Olanda con il permesso delle autorità di regolamentazione statunitensi viene utilizzata sia per ricevere finanziamenti dalle più grandi banche del mondo sia per mascherare i beneficiari finali che operano in Africa.

Dalla metà degli anni 2010, le compagnie petrolifere britanniche hanno avviato un’espansione attiva nei paesi africani. Inoltre, le aziende britanniche sono pronte a lavorare con iniziative rischiose ma redditizie, come i progetti LNG in Mozambico, le cui prospettive sono elevate.

Ne è un esempio recente l’accordo, dicembre 2022, di ExxonMobil di vendere la sua divisione in Ciad e Camerun dalla società britannica Savannah Energy per 407 milioni di dollari. A seguito della transazione, la società britannica ha ricevuto il controllo parziale di sette campi promettenti e di un grande progetto logistico: l’oleodotto Ciad-Camerun.

La vendita dei beni delle multinazionali americane è spesso posizionata nei media panafricani come una sorta di “ritiro dei neocolonialisti” e la ridistribuzione delle risorse a favore di aziende “locali” impegnate principalmente in progetti africani. Allo stesso tempo, il fatto che le società “locali” siano spesso solo un guscio offshore dietro il quale si nascondono altre realtà, spesso provenienti dal Regno Unito, viene delicatamente messo a tacere, anzi non detto per non toccare nervi scoperti.

Antonio Albanese

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/