VENEZUELA. Maduro lancia l’edilizia popolare finanziata in Petro

247

Una recente dichiarazione pubblicata dal venezuelano Criptotendencia riporta che il ministro dell’Edilizia e degli Alloggi, Ildemaro Villarroel, ha rivelato il piano del governo di costruire case a prezzi accessibili per coloro che non possono permetterselo. Villarroel ha poi annunciato che il Petro, criptovaluta ufficiale del Venezuela, sarebbe stato utilizzato per finanziare questo progetto immobiliare.

Secondo il Ministro Villarroel, una serie di aziende sono state già sottoposte a screening sotterraneo per stabilire le migliori da usare per lo sviluppo edilizio.

«Insieme con i governatori, stiamo esaminiamo i piani che inizieremo nel secondo trimestre, in questo secondo trimestre Gmvv avrà un’iniezione di risorse finanziarie, che quest’anno saranno protette e stabilite attraverso il Petro» ha detto il Ministro nella sua dichiarazione.

Sebbene l’iniziativa sia in corso da molto tempo e abbia portato alla costruzione di oltre 2 milioni di case fino ad oggi, è la prima volta che il governo di Maduro prende in considerazione il finanziamento dell’iniziativa Gran Misión de Vivienda en Venezuela, Gmvv, utilizzando la sua cripto-valuta. Per l’avvio di questo progetto, il presidente Nicolás Maduro aveva approvato il rilascio di 75 miliardi di bolivar, la moneta ufficiale del paese. Al tasso di cambio corrente, questo ammonta oggi a 750.000 dollari. Inoltre, un totale di 909mila Petro è stato destinato al Gmvv, somme che, secondo il Ministro, «rappresentano uno scudo protettivo per la costruzione di alloggi».

Il dato che sorprende la redazione di Zycrypto è la scarsità di fondi destinati a un simile progetto. Tuttavia, Villarroel ha detto che ci sarebbe stato un maggiore investimento di Petro nel progetto con il passare del tempo: «Gmvv avrà un’iniezione di risorse finanziarie, che quest’anno saranno protette e stabilite con Petro».

In precedenza, il parlamento venezuelano si era pronunciato contro l’utilizzo del Petro nel paese, dicendo che «la cripto-valuta viola la costituzione», avvertendo i cittadini di non investire nella valuta crittografica sostenuta dalle risorse petrolifere dell’Orinoco.

Nel tentativo di promuovere il Petro, il presidente venezuelano aveva in precedenza offerto sconti enormi sulle forniture di petrolio, se il Petro fosse stato utilizzato per effettuare i pagamenti; l’India, però, ha rinunciato all’accordo nelle ultime fasi di contrattazione. 

Graziella Giangiulio