TURCHIA. Istanbul cerca finanziamenti in Giappone 

74

Ekrem Imamoglu, il sindaco di Istanbul che ha battuto l’Akp per due volte, ha detto che il governo del presidente Recep Tayyip Erdogan ha minato la fiducia nella democrazia turca e dovrebbe essere ritenuto responsabile del crollo dell’economia: «Quando la democrazia è danneggiata, danneggia anche l’economia (…) L’economia si rafforza quando la democrazia è forte. Non il contrario», riporta Nikkei.

L’economia turca si è contratta per tre quarti da quando la lira è crollata nel 2018, e il deterioramento delle relazioni politiche con Washington ha spinto l’Amministrazione Trump a imporre sanzioni al suo alleato Nato. Imamoglu ha detto che il Partito per la Giustizia e lo Sviluppo, al governo dal 2002, non ha scuse per l’attuale situazione economica: «Abbiamo molti problemi a cominciare dall’economia e dalla profonda disoccupazione (…) Un governo che regge il paese per così tanto tempo non può cercare scuse ed è ovvio che è totalmente colpa loro. La gente ha dato loro un chiaro mandato a governare».

Imamoglu è alla ricerca di investimenti esteri per la città, in parte perché sostiene che le banche statali turche hanno smesso di concedere prestiti a Istanbul su ordine del governo centrale. Imamoglu ha detto che prevede di visitare il Giappone e la Cina prima di marzo, seguito da viaggi in India e Singapore nel corso del prossimo anno. Chiederà alle imprese giapponesi e cinesi di investire in e fornire prestiti a Istanbul e ha detto che alcune offerte sono già arrivate: «Naturalmente c’è anche una ricerca di finanziamenti e ci sono già proposte (…) Alcuni sono finanziamenti puri e alcuni sono project financing in progetti di costruzione, così come il sostegno finanziario delle banche di sviluppo». Imamoglu ha detto che il Giappone è un partner importante per Istanbul, città a rischio sismico, e intende approfondire la cooperazione con Tokyo in settori come la preparazione alle catastrofi. 

Nell’intervista, Imamoglu ha sottolineato che la Turchia fa parte dell’Europa e dovrebbe cercare di migliorare i legami che sono diventati tesi per la dipendenza di Ankara da Mosca e l’estrazione di giacimenti di gas nella zona economica esclusiva di Cipro. Ha inoltre condiviso le preoccupazioni dell’Europa per lo stato attuale della democrazia in Turchia.

Negli ultimi due mesi ha visitato il Regno Unito, la Germania, la Francia e la Danimarca, assicurandosi un prestito di 110 milioni di euro da Deutsche Bank e 86 milioni di euro dall’Agenzia Francese per lo Sviluppo per riavviare parte della costruzione sospesa delle nuove linee metropolitane di Istanbul. La sospensione dei prestiti della banca statale al comune di Istanbul ha reso difficile il finanziamento di progetti infrastrutturali. Istanbul ha bisogno di fino a 20 miliardi di lire turche per finanziare progetti che includono la costruzione di linee metropolitane.

Sostenendo che i comportamenti delle banche statali sono politicamente motivati, Imamoglu ha detto a Nikkei che gli istituti di credito agiscono per conto dell’amministrazione Erdogan.

Graziella Giangiulio