I cinesi investono a Taiwain

25

TAIWAN. Taipei. A quanto pare un numero crescente di imprese cinesi investono in Taiwan. Nonostante le restrizioni imposte da Pechino, a quanto pare, gli investitori continuano a puntare sulla crescita di Taiwan. 

Il Fosun Group, un fondo privato Shanghai, ha pagato 77 milioni di yuan (12,3 milioni di dollari) nel mese di novembre per una quota del 20 per cento nel taiwanese Vigor Kobo pasta maker. L’operazione, effettuata attraverso la controllata di Fosun, Laxton Investment Ltd, segna la prima volta che una società cinese investe nell’industria alimentare dell’isola. Negli ultimi 3 anni gli investimenti dalla Cina a Taiwan sono stati di circa 722 milioni di dollari. La maggior parte del capitale è stato investito nei settori dell’industria manifatturiera e dei servizi.

Rispetto ad altri investitori della regione Asia-Pacifico, i cinesi godono sia di vantaggi: background culturale comune e il linguaggio sia di importanti restrizioni come le norme rigorose su quali settori in cui possono investire e limiti sulle dimensioni delle loro partecipazioni in joint venture. Ma questo non ha scoraggiato gli investitori.