CINA. Produrre riso dall’acqua di mare

91

Il riso coltivato su scala commerciale in acqua di mare diluita è entrato, per la prima volta, nelle case dei cinesi segnando una svolta nella produzione alimentare dopo oltre quarant’anni di tentativi. Questo riso non viene coltivato in risaie tradizionali, con acqua dolce, ma su una spiaggia salata sulla costa del Mar Giallo a Qingdao, nello Shandong.

La Cina ha un milione di chilometri quadrati di terreno desolato, un’area delle dimensioni dell’Etiopia, dove le piante faticano a crescere a causa dell’elevata salinità o dei livelli di alcalinità nel suolo.

Lo scienziato Yuan Longping, il “padre del riso ibrido” riporta Scmp, ha detto che se un decimo di tali aree fossero state piantate con specie di riso resistenti al sale, avrebbero potuto aumentare la produzione di riso della Cina di quasi il 20 per cento, producendo 50 milioni di tonnellate di cibo, abbastanza per sfamare 200 milioni di persone. Il suo team di ricerca ha recentemente raddoppiato la produzione di riso da acqua di mare, produzione che in passato era troppo bassa per la larga scala.

A metà degli anni Settanta, preoccupandosi di come nutrire la popolazione mondiale, la più numerosa e in rapida crescita, il governo cinese iniziò a cercare specie di riso che potessero crescere in campi ricoperti di sale.

Dopo la scoperta di una specie di riso rosso selvatico vicino a una foresta di mangrovie nella contea di Suixi, Zhanjiang e dopo decenni di selezione delle caratteristiche, incroci e screening genetico, i ricercatori cinesi hanno individuato almeno otto specie candidate, ma la loro produttività è rimasta bassa, solo due tonnellate di riso per ettaro, appena un terzo di quella del riso comune e insufficiente per le grandi piantagioni. 

A settembre, presso la più grande azienda agricola della nazione di acqua di mare riso, a Qingdao, la produzione di riso Yuan con acqua di mare ha superato le 4,5 tonnellate di riso per ettaro, secondo i media statali. Ed è iniziata la vendita online del prodotto.

Il riso attualmente in vendita è stato raccolto l’anno scorso; mentre il raccolto di quest’anno entrerà in commercio il mese prossimo.

Ogni chilogrammo di riso “Yuan Mi” costa 50 yuan, otto volte il riso comune. Viene venduto in confezioni da 1 kg, 2 kg, 5 kg e 10 kg.

Già mille persone lo hanno ordinato in un mese e sei tonnellate di riso sono state vendute da agosto.

Secondo l’azienda produttrice, i chicchi di riso hanno una consistenza unica e un sapore gradevole. I consumatori pagano un prezzo alto non solo per la piacevole esperienza di mangiarlo, ma anche per alcuni potenziali benefici in termini di salute e sicurezza: il sale infatti è un disinfettante che può ridurre o interrompere la trasmissione di alcune malattie causate da batteri. Ciò potrebbe ridurre l’uso di pesticidi e ridurre il rischio di esposizione a sostanze chimiche nocive nella catena alimentare.

Il riso d’acqua di mare non è irrigato da acqua di mare pura, ma mescolata con acqua dolce per portare il contenuto di sale a 6 grammi per litro; cinque volte più basso della media. La ricerca tende ora a produrre riso in acqua di mare pura. Ad oggi, la Cina è già la più grande importatrice di alcune importanti materie prime agricole; ma la sfida più grande per il progetto sul riso d’acqua di mare è che la Cina abbia un’eccedenza nella produzione di riso non rischiare più la carestia.

Tommaso dal Passo