USA. Il Congresso riscrive l’Iniziativa Pacifica del Pentagono

115

La prima bozza del Pentagono della Pacific Deterrence Initiative, Pdi, è stata uccisa all’arrivo dalla sua presentazione al Congresso a maggio. Ma con il National Defense Authorization Act per l’anno fiscale 2022, il Congresso ha riscritto la Pdi, e stabilito una nuova linea di base rispetto alla quale saranno misurati i futuri sforzi del Pentagono per scoraggiare la Cina.

Il Congresso Usa ha stabilito la Pdi l’anno scorso per due motivi fondamentali: capire meglio ciò che il Pentagono stava spendendo nella regione indopacifica, e cambiare la composizione di quella spesa.

Riunendo queste informazioni in una visualizzazione consolidata del bilancio, la Pdi doveva aumentare la trasparenza, identificare gli investimenti chiave dell’Indo-Pacifico, e permettere al Congresso di seguire, valutare e regolare questi sforzi nel tempo.

Ma nel suo primo tentativo di realizzarla, il Pentagono ha fallito, raddoppiando gli investimenti sulla piattaforma a spese delle capacità. I finanziamenti per un cacciatorpediniere, una petroliera della flotta e gli aggiornamenti dell’F-35 hanno rappresentato quasi tre quarti dell’iniziativa, riporta Defense News.

Nel frattempo, misere somme sono state lasciate per altre linee chiave di sforzo, come 500.000 dollari per «rafforzare le alleanze e le partnership». Le critiche del Congresso sono state rapide e bipartisan. I repubblicani nei comitati sulle forze armate della Camera e del Senato hanno detto che il Pentagono aveva “completamente mancato il punto” del Pdi.

Il Congresso ha rimosso, sostituito e reindirizzato i fondi per il Pdi: ha buttato via gli investimenti incentrati sulla piattaforma e li ha sostituiti con altri fondi più coerenti con gli obiettivi del Pdi.

La versione riscritta dal Congresso del Pdi ha rimosso le spese che non appartengono al Pdi. Ha rifocalizzato i finanziamenti sulle capacità congiunte principalmente a ovest della “linea di data” internazionale. Il Congresso ha anche efficacemente indirizzato le nuove spese sulle necessità ad alta priorità come il sistema di difesa di Guam, la capacità di addestramento e sperimentazione multidominio del Pacifico, e le attività di “pianificazione e progettazione” che saranno utilizzate per sviluppare progetti di costruzione militare pronti all’uso per far avanzare una postura distribuita e resiliente della forza di teatro.

La richiesta di bilancio dell’anno fiscale 2023 sarà un test importante per vedere se il Pentagono può andare avanti con il programma e fare i cambiamenti necessari per portare avanti l’intento del Congresso dietro il Pdi.

Maddalena Ingrao