RUSSIA. La triade nucleare di Putin

367

Il presidente russo Vladimir Putin ha annunciato nel suo discorso di fine anno, davanti ai vertici della difesa a Mosca, che il suo Paese alzerà la prontezza al combattimento della sua “triade nucleare”, dopo aver avvertito del crescente pericolo di una guerra nucleare in un contesto di tensione tra Russia e Occidente sulla guerra in Ucraina.

Putin si è impegnato a sviluppare armi ipersoniche “senza eguali al mondo” come parte di un piano per rafforzare le armi strategiche, rilevando in questo contesto che entreranno in servizio due modelli di missili, “Sarmat” e “Zircon”.

Prima di allora, il presidente russo ha confermato che Mosca potrebbe aggiungere alla sua dottrina militare la possibilità di dirigere il primo attacco nucleare preventivo per disarmare il suo avversario.

La triade nucleare è un termine che si riferisce a 3 mezzi di lancio che la maggior parte delle potenze nucleari possiede, attraverso i quali gli attacchi nucleari, sia preventivi che in risposta a un attacco, possono essere lanciati da terra, mare e aria, in particolare da missili balistici, sottomarini e bombardieri.

Secondo i report occidentali, la Russia, che ha ereditato il suo arsenale nucleare dall’Unione Sovietica, possiede 5.977 armi nucleari, alcune strategiche e alcune tattiche (circa 2.000 armi nucleari tattiche, secondo l’intelligence statunitense). Per il Centro statunitense per il controllo degli armamenti e la non proliferazione, 1.588 armi nucleari russe sono attualmente in modalità duplicativa.

La testata nucleare strategica include un carico esplosivo che va dai 500 agli 800 kilotoni, e la sua gittata è maggiore di quella tattica, il cui carico utile esplosivo va dai 10 ai 100 kilotoni, ogni chilotone equivale a mille tonnellate di tritolo esplosivo. La Russia supera gli Stati Uniti di circa 500 testate nucleari e i due paesi possiedono il 90% di tutte le armi nucleari del mondo.

Nel 2019, uno studio della Princeton University, chiesto dall’organizzazione antinucleare ICAN, ha previsto che in caso di guerra nucleare tra Russia e America, 34 milioni di persone sarebbero state uccise e 57 milioni ferite nelle prime ore del confronto.

Le caratteristiche della triade nucleare russa sono secondo il report del Centro statunitense per la non proliferazione nucleare le seguenti:

Forza nucleare aerea. La Russia ha nella sua flotta aerea nucleare circa 68 bombardieri ipersonici pesanti a lungo raggio, comprese diverse versioni sviluppate da Tupolev, tra cui il Tu-160 Blackjack e il Tu-85MS (Bear H) (Tu-85MS), la seconda classe costituiscono la maggior parte della flotta. Un bombardiere può trasportare fino a 16 missili HK-55 di fabbricazione sovietica e tutti questi lanciatori possono trasportare 700 testate nucleari. La Russia sta lavorando per modernizzare la sua forza nucleare aerea introducendo missili da crociera nucleari lanciati da bombardieri.

Forza nucleare navale. La forza nucleare della Marina russa comprende 11 sottomarini nucleari progettati per lanciare missili balistici che possono essere equipaggiati con testate nucleari. Sottomarini attivi come il Bulava SS-N-32, ognuno dei quali può trasportare 16 missili balistici, e in totale sono in grado di trasportare 624 testate nucleari. Lo scorso luglio, la Marina russa ha ricevuto il sottomarino “Belgorod Kay-329”, che è il più grande sottomarino nucleare costruito in 30 anni, secondo l’US Naval Institute. Fonti russe attribuiscono a questo sottomarino enormi capacità nucleari distruttive, inclusa la generazione di onde di radiazioni di tsunami alte più di mezzo chilometro. Altri 10 sottomarini Borei sono in fase di modernizzazione e il loro sviluppo dovrebbe essere completato nel 2027, ma la realizzazione sta affrontando una carenza di risorse. La Russia ha altri 26 sottomarini a propulsione nucleare che possono colpire con diversi tipi di missili da crociera convenzionali.

Forza nucleare missilistica. Si ritiene che la Russia abbia 306 missili intercontinentali che possono trasportare fino a 1185 testate nucleari e sono in grado di colpire luoghi lontani, compreso il territorio degli Stati Uniti. Uno dei più importanti di questi missili è il Topol-M, che ha una gittata di 11.000 km, e Yars, che ha una gittata di 12.000 km, entrambe in grado di trasportare diverse testate nucleari. La Russia sta attualmente sviluppando missili ipersonici che possono trasportare testate nucleari come Sarmat e Avangard, e funzionari russi affermano che alcuni di loro non possono essere intercettati.

Alcune stime dicono che il missile Sarmat potrebbe avere una portata di 35.000 Km. All’inizio di quest’anno, l’esercito russo ha condotto un test su questo missile, e i media russi hanno affermato che ha volato per circa 6.000 km all’interno della Russia prima di colpire l’obiettivo specificato.

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here
Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/