SUDAFRICA. Pechino dona all’esercito sudafricano il vaccino anticovid

168

L’Esercito Popolare di Liberazione della Cina, che nell’ultimo anno ha fatto donazioni di vaccini ai militari di 28 paesi, ha offerto 300mila dosi gratuite del CoronaVac prodotto dalla Sinovac alla Forza di Difesa Nazionale Sudafricana, Sandf.

Secondo quanto riporta il Centro di giornalismo investigativo amaBhungane, a novembre, il consiglio di comando del Servizio Sanitario Militare Sudafricano, Samhs ha accettato di contare quanti membri dell’esercito dovevano ancora essere vaccinati per determinare quante dosi CoronaVac sarebbero state necessarie.

I documenti analizzati affermano che il vaccino sarebbe stato importato attraverso il Dipartimento nazionale della Salute che «non lo userà, perché la quantità ordinata deve essere utilizzata dalla Difesa», riporta Daily Maverick.

Il Dipartimento della Salute e il Gruppo Numolux, il partner locale ufficiale di Sinovac responsabile della distribuzione di CoronaVac in Sudafrica, hanno ammesso entrambi l’offerta cinese. Il Dipartimento della Salute dice di essere stato avvisato dell’offerta “diversi mesi fa” e Nomulux dice di essere stato solo recentemente coinvolto nei preparativi per importare una partita.

Ma il Sandf nega di aver fatto piani per usare il vaccino della Sinovac e si rifiuta di riconoscere l’esistenza di un’offerta per donare il vaccino all’esercito. Il CoronaVac della Sinovac ha ricevuto l’autorizzazione condizionata per l’uso di emergenza dall’Autorità di regolamentazione dei prodotti sanitari sudafricani, Sahpra, a luglio, ma non è ancora stato incluso nel programma di distribuzione del vaccino in Sudafrica. Le precondizioni includono la presentazione dei risultati finali degli studi clinici in corso del Sinovac e aggiornamenti periodici sulla sicurezza.

Il Dipartimento della Salute ha detto che stava «aspettando una richiesta formale dal Sandf per importare la donazione di Sinovac per i militari». Il Dipartimento ha detto che “non ha idea” di quando il Sandf farà questa richiesta formale, ma il generale Peter Maphaha, chirurgo generale dei servizi sanitari militari, “è in comunicazione”col ministero.

Numolux ha detto che il Sandf non ha confermato se accetterà l’intera donazione CoronaVac fatta dal Pla o solo una parte. Sandf ha 72.322 membri, compreso il personale civile di supporto e le riserve.

Il punto due del verbale della riunione del consiglio del comando a metà novembre afferma che Maphaha ha chiesto chiarezza sul numero di membri vaccinati.

Anche se il Sinovac non fa parte delle disposizioni nazionali del governo, Sahpra ha autorizzato il vaccino per uso di emergenza, seguendo una decisione simile da parte dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Condizioni simili sono state date ad altri produttori come Johnson & Johnson durante le prime fasi del programma di lancio del vaccino in Sudafrica, che ha limitato l’accesso agli operatori sanitari nella sperimentazione Sisonke.

Sandf ha detto che i membri dell’esercito fanno parte del programma nazionale di vaccinazione e useranno i vaccini forniti dal Dipartimento della Salute. Il programma di lancio del Sudafrica consiste in due vaccini, uno prodotto da Pfizer, l’altro da Johnson & Johnson.

La scoperta della variante Omicron è servita ad aumentare la cooperazione nella ricerca medica Covid-19 tra i paesi Brics (Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica).

L’esercito cinese ha iniziato le donazioni di vaccini da militare a militare nel febbraio 2021 come parte degli sforzi più ampi di Pechino per proliferare i vaccini prodotti in Cina come prodotto pubblico globale.

Lucia Giannini