USA. I Marines senza navi per andare al confine ucraino

165

Mentre la Russia si preparava a invadere l’Ucraina, il capo del Comando Europeo degli Stati Uniti ha chiesto un’unità di spedizione dei Marines e un gruppo pronto anfibio da schierare presto in Europa come copertura contro l’espansione del conflitto.

Ma il Corpo dei Marines non poteva soddisfare la richiesta, lo ha detto il generale Karsten Heckl, vice comandante per lo sviluppo e l’integrazione al combattimento, alla sottocommissione per la Us Navy della Commissione per le Forze Armate del Senato Usa, riporta Usni News.

Alla domanda su quanto sia importante per il Corpo dei Marines ricevere finanziamenti avanzati per una nave da guerra anfibia che il Corpo ha recentemente indicato come la sua massima priorità non finanziata per il prossimo anno fiscale, Heckl ha indicato lo scenario ucraino come conferma della situazione di stallo in cui versa il Corpo dei Marines.

«All’interno dello sviluppo della forza è il nostro requisito continuo come Corpo dei Marines e per legge di essere la forza di risposta alle crisi per la nazione. Senza quegli LPD, signore, e le altre navi da guerra anfibie tradizionali di classe L, non possiamo essere lì. E siamo già in difficoltà adesso. E il caso e il punto era la 22esima Unità di spedizione dei Marines al largo della costa orientale», ha detto Heckl a Kevin Cramer, il membro più importante della sottocommissione Usa.

Secondo Heckl, il capo del Comando Europeo degli Stati Uniti e Saceur, il generale Tod Wolters, ha chiesto che la 22esima Unità di Spedizione dei Marines e il Kearsarge Amphibious Ready Group «uscissero presto per essere in teatro quando la situazione ucraina si sarebbe evoluta, o risolta. E noi non siamo stati in grado di mandare in missione la nave (…) Il modo in cui abbiamo tipicamente condotto gli schieramenti, la Marine expeditionary unit, Meu, avrebbe dovuto essere in teatro e disponibile per i compiti del comandante in teatro e non lo era», ha detto Heckl.

La Us Navy ha attualmente 31 navi anfibie in servizio, che è il requisito attuale del Corpo dei Marines, nella flotta, secondo il Naval Vessel Register. Il numero totale di navi da guerra anfibie è destinato a scendere a 24 entro l’anno fiscale 2024, secondo il piano di costruzione navale a lungo raggio che la Marina statunitense ha rilasciato la scorsa settimana.

Due navi nell’Arg (Amphibious Ready Group) Kearsarge, la portaelicotteri Uss Kearsarge e la nave da trasporto anfibio Uss Arlington, sono state schierate con il 22° Meu imbarcato il 16 marzo, quasi un mese dopo che la Russia ha ufficialmente invaso l’Ucraina. La Uss Gunston Hall, la terza nave dell’Arg, ha lasciato la Joint Base Little Creek-Fort Story, il 28 marzo per schierarsi con l’Amphibious Ready Group.

Il Corpo dei Marines sostiene che ha bisogno di 31 grandi navi anfibie per soddisfare le sue missioni. Ma la richiesta di bilancio per il 2023 ha mostrato una divisione tra il Corpo dei Marines e la Us Navy sui requisiti delle navi anfibie.

Tommaso Dal Passo