UCRAINA. La NATO è pronta a rispondere all’aggressione russa, se ci sarà

211

Alla luce dell’ammassamento di truppe russe lungo il confine con l’Ucraina, il generale Tod Wolters, Saceur Nato e comandante delle truppe degli Stati Uniti in Europa, ha detto che la Nato è pronta a rispondere alle aggressioni.

«Noi dissuadiamo, e se la dissuasione fallisce, siamo pronti a rispondere all’aggressione con tutto il peso dell’Alleanza transatlantica», ha detto Wolters durante un’audizione del Comitato Servizi Armati della Camera sulla regione.

I suoi commenti sono stati fatti visto l’aumento della tensione tra Washington e Mosca, che ha ammassato più truppe al confine con l’Ucraina che in qualsiasi momento dal 2014. Sempre questa settimana, l’amministrazione Biden ha colpito la Russia con sanzioni ed espulsioni diplomatiche in risposta al suo cyberattacco SolarWinds e l’occupazione in corso della Crimea, che la Russia ha preso all’Ucraina nel marzo 2014 e poi ha annesso, riporta Defense News.

«Il presidente sta intraprendendo un’azione dura e veloce con risposte adeguatamente adattate per fornire un chiaro segnale della nostra determinazione senza escalation», ha detto poi Laura Cooper, il capo della politica del Pentagono per la Russia. Gli Stati Uniti e i loro alleati hanno lanciato l’allarme sulla concentrazione di truppe russe lungo il confine con l’Ucraina e le crescenti violazioni di un cessate il fuoco in Ucraina orientale, dove i separatisti russi e le forze ucraine sono stati bloccati in un conflitto dopo l’annessione.

Wolters ha detto che è «di grande preoccupazione, e la nostra vigilanza è alta, poiché una forza di terra “molto, molto grande” si è spostata vicino alla Crimea e al Donbass, con anche spostamenti di forze aeree e marittime. Ha aggiunto che gli sforzi della Russia per spostare le linee di rifornimento in avanti sono stati “appiattiti”».

Wolters ha valutato la possibilità che la Russia invada l’Ucraina come “bassa o media”, aggiungendo che la «probabilità inizierà a diminuire».

I commenti del Saceur Nato sono arrivati dopo che il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu aveva detto che il massiccio aumento militare del paese a ovest era parte delle esercitazioni di preparazione viste le minacce della Nato. Shoigu ha poi detto che dureranno per altre due settimane.

Luigi Medici