UCRAINA. Mosca avverte gli USA: non inviate truppe in Ucraina. Ci saranno conseguenze

294

La Russia ha avvertito l’Occidente il 2 aprile contro l’invio di truppe in Ucraina per sostenere il suo alleato, dopo che Kiev ha accusato Mosca di star costruendo una presenza militare sul suo confine. Gli Stati Uniti avevano promesso il 1 aprile di appoggiare l’Ucraina in caso di “aggressione” russa, dopo che il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha accusato la Russia di ammassare truppe al confine.

Settimane di nuovi scontri in prima linea hanno rotto il cessate il fuoco e sollevato i timori di un’escalation del conflitto in Ucraina orientale, dove le forze governative stanno combattendo i separatisti filorussi. Parlando ai giornalisti il 2 aprile, il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha detto che la Russia sarebbe stata costretta a rispondere se gli Stati Uniti avessero inviato truppe: «Non c’è dubbio che un tale scenario porterebbe a un ulteriore aumento delle tensioni vicino ai confini della Russia. Naturalmente, questo richiederebbe misure aggiuntive da parte russa per garantire la sua sicurezza», ha detto Peskov ripreso da Afp.

La Russia ha detto che le sue forze armate avrebbero tenuto esercitazioni militari vicino al confine dell’Ucraina nel sud del paese per addestrarsi nella difesa contro i droni d’attacco. Più di 50 squadre di combattimento di battaglioni per un totale di 15.000 persone prenderanno parte a queste esercitazioni e si addestreranno «nell’interazione con le unità di guerra elettronica e di difesa aerea», ha detto la Difesa russa.

Il Pentagono aveva annunciato questa settimana che le forze statunitensi in Europa avevano aumentato il loro stato di allerta a seguito della «recente escalation dell’aggressione russa in Ucraina orientale».

Reuters ha riportato le preoccupazioni sull’attività di Mosca: «Gli alleati hanno condiviso le loro preoccupazioni per le recenti attività militari su larga scala della Russia in Ucraina e dintorni. Gli alleati sono anche preoccupati per le violazioni russe del cessate il fuoco del luglio 2020».

L’Ucraina, i paesi occidentali e la Nato accusano la Russia di inviare truppe e armi pesanti per sostenere gli insorgenti nel Donbass, che hanno conquistato una parte dell’Ucraina orientale nel 2014. La Russia dice che fornisce solo supporto politico e umanitario ai combattenti separatisti in quello che considera un conflitto interno.

L’intelligence militare ucraina ha accusato la Russia di aver progettato provocazioni per creare un pretesto per inviare ulteriori unità militari russe nel Donbas.

Antonio Albanese