UCRAINA. Illeciti profitti di guerra e corruzione scuotono il governo

132

Il ministro della Difesa ucraino Oleksij Reznikovè sotto tiro sul fronte interno, per delle indagini su episodi di corruzione che hanno scosso il Paese.

Nel corso della guerra, Kiev ha cercato di dimostrare che la nazione si sta unendo e si sta ripulendo dalla corruzione, nel tentativo di tracciare una rotta verso l’Ue, quindi le rivelazioni di due indagini sulla corruzione ai massimi livelli governativi sono state un duro colpo, riporta Politico.

Entrambe le inchieste riguardano profitti di guerra e hanno provocato un immediato impegno del Presidente Volodymyr Zelenskyy domenica sera. Il caso che coinvolge il ministero della Difesa riguarda l’acquisto di razioni militari a prezzi gonfiati. Quasi contemporaneamente, il vice ministro delle Infrastrutture è stato licenziato in un caso legato a un acquisto pubblico di generatori elettrici a prezzi eccessivi.

L’Ufficio nazionale anticorruzione ucraino ha dichiarato che sta indagando su entrambe le questioni.

Sebbene Reznikov non abbia firmato personalmente il contratto di fornitura di cibo e catering per la difesa, del valore di 13 miliardi di grivne – 326 milioni di euro, i giornalisti e gli organi di controllo hanno affermato che la responsabilità ultima è sua visto che ha dichiarato pubblicamente la sua tolleranza zero nei confronti della corruzione. Reznikov ha definito le accuse una campagna diffamatoria, volta a minare la fiducia nel ministero della Difesa e la sua reputazione presso i partner internazionali.

Mentre Reznikov difende strenuamente il contratto del ministero, il vice ministro delle Comunità, dei territori e dello sviluppo delle infrastrutture Vasyl Lozynskiy è stato arrestato. L’Ufficio nazionale anticorruzione ucraino ha riferito che il viceministro è stato arrestato mentre accettava una tangente di 400.000 dollari per facilitare l’acquisto di un’apparecchiatura per la produzione di energia elettrica a prezzi eccessivi.

Il sito web d’inchiesta Nashi Groshi, I nostri soldi, che ha raccontato la storia degli appalti della Difesa per il sito web ucraino di notizie ZN.UA, afferma. «Ora l’Ucraina ha l’opportunità unica di dimostrare che non siamo come la Russia, dove il denaro viene riciclato su tutto. Se qualcuno vuole rubarci milioni di euro durante la guerra, quando la nostra economia dipende per il 60% dagli aiuti dell’Ue, dobbiamo fermarlo».

L’Anticorruzione ha dichiarato di aver aperto un’inchiesta sul contratto di catering militare prima ancora degli articoli su appalti per la difesa gonfiati. Il ministero della Difesa ha firmato l’accordo di fornitura con un’azienda affiliata a ex funzionari della Difesa.

Secondo il contratto, le unità militari ucraine di stanza nelle regioni di Poltava, Sumy, Kiev, Zhytomyr, Chernihiv e Cherkasy avrebbero dovuto ricevere prodotti alimentari popolari a prezzi due o tre volte superiori a quelli di mercato. E queste unità erano dislocate lontano dal fronte, dove le linee di consegna possono effettivamente rendere gli acquisti più costosi.     

Reznikov ha accusato pubblicamente il sito di aver manipolato le sue scoperte e ha promesso di collaborare con i parlamentari e le forze dell’ordine durante le indagini. Ha affermato che alcune delle scoperte del giornale, come le informazioni sui prezzi gonfiati delle uova, erano solo un «errore tecnico dell’appaltatore, che intendeva scrivere il prezzo delle uova in chili e non per pezzo». Tuttavia, tutti i contratti precedenti mostravano che il ministero acquistava sempre uova al pezzo. Reznikov ha affermato che il ministero della Difesa è riuscito a introdurre la concorrenza nell’acquisto di cibo per gli approvvigionamenti dell’esercito e ora ha firmato contratti con otto fornitori. Ognuno di questi fornitori di cibo e gruppi di catering alimenta specifiche unità militari, indipendentemente dal fatto che siano di stanza al fronte o meno.

Altro scandalo. In estate, il Consiglio dei Ministri ha stanziato 1,68 miliardi di grivne- 40 milioni di euro, per l’acquisto di attrezzature per la produzione di energia elettrica necessarie per superare l’inverno, quando la Russia ha bombardato massicciamente le infrastrutture energetiche in tutta l’Ucraina. Tuttavia, secondo l’Anticorruzione, i funzionari pubblici responsabili dell’acquisto hanno deciso di guadagnare qualcosa in più.

Per l’Anticorruzione, «il costo dei contratti è stato gonfiato di 280 milioni di grivne – 7 milioni di euro, una tangente da pagare ai funzionari per la loro facilitazione». In una dichiarazione che annunciava il licenziamento di Lozynskiy, il ministro ucraino delle Infrastrutture Oleksandr Kubrakov ha promesso una più ampia pulizia.

Anna Lotti

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/