TURCHIA. Per Erdogan, il peggio per la lira è passato

143

Dopo una settimana senza precedenti per la valuta turca, che ha visto la lira apprezzarsi di oltre il 70% dai minimi storici ad un certo punto, il presidente Recep Tayyip Erdogan ha espresso la fiducia che il suo paese è sulla strada della stabilità e la “bolla” dei cambi è stata fatta scoppiare.

«Abbiamo abbandonato l’approccio economico tradizionale di tenere l’inflazione sotto controllo attraverso alti tassi d’interesse. Invece, abbiamo adottato una politica economica che si basa su investimenti, occupazione, produzione, esportazioni e crescita attraverso un surplus delle partite correnti (…) Abbiamo visto la bolla sui tassi di cambio disperdersi in un giorno con il nostro pacchetto di misure (…) Saremo testimoni di un clima economico diverso durante l’estate una volta che la stabilità finanziaria sarà assicurata», ha detto Erdogan, riferendosi a un piano del governo per proteggere alcuni depositi in lire contro le fluttuazioni della valuta, così come quello che gli operatori di mercato hanno visto come uno sforzo concertato da parte delle banche statali per vendere aggressivamente le riserve di forex della banca centrale per sostenere la valuta turca attraverso la porta di servizio.

Erdogan ha parlato in tv prima di un incontro a Istanbul con economisti, accademici e media, riporta Nikkei Asia. Hanno partecipato anche suoi fidi come il nuovo ministro delle Finanze Nureddin Nebati, il governatore della banca centrale Sahap Kavcioglu, e Mehmet Ali Akben, il capo dell’Agenzia di regolamentazione e supervisione bancaria.

Nella sessione chiusa, Erdogan ha ricordato di aver incontrato i consiglieri economici la notte prima che una serie di misure economiche fossero annunciate lunedì.

Prima che Erdogan annunciasse la serie di misure il 27 dicembre, la lira aveva raggiunto un minimo storico di circa 18,4 contro il dollaro – in calo di circa il 60% nel corso dell’anno – a seguito di un ciclo aggressivo di tagli dei tassi di interesse che è iniziato a settembre e ha visto il tasso di politica della banca centrale scendere di 500 punti base.

Il tasso di riferimento si trova ora al 14%, mentre l’inflazione ha superato il 21% a novembre. Il tasso d’interesse profondamente negativo ha spinto i depositanti turchi a evitare i loro risparmi in lire e a correre verso altri beni, comprese le valute forti e l’oro per proteggersi dall’inflazione, facendo precipitare la valuta turca.

Alla riunione di venerdì, il governatore della banca centrale Kavcioglu ha detto che la Turchia è in trattative con tre paesi per accordi di swap di valuta tra banche centrali e che si aspetta di firmare con due di loro entro due settimane. Tali accordi di swap offriranno alla Turchia un cuscinetto contro la volatilità della lira e riempiranno le riserve esaurite della banca centrale. Erdogan ha lasciato intendere che i due partner saranno l’Azerbaijan e un paese del Golfo Persico.

Lucia Giannini