TAIWAN. Siccità, blackout e Covid19 frenano la produzione di chip

91

I produttori di chip di Taiwan sono stati colpiti simultaneamente da siccità, black out elettrici e una peggiore ondata di Covid-19, una confluenza che minaccia di minare le catene di approvvigionamento globale già tese.

In crisi sopratutto è il più grande produttore di chip Tsmc, principale fornitore al mondo di semiconduttori all’avanguardia che alimentano tutto, dagli smartphone ai nuovi veicoli elettrici.

La presenza di casi nello stabilimento di Taichung ha alimentato le voci su chiusure degli impianti che sfornano chip per molti prodotti.

Taiwan sta cercando di chiudere i negozi non essenziali e le agenzie governative e limitare le riunioni al chiuso a cinque persone, mentre ripristina le misure messe in atto quando ha evitato la ricaduta di Covid dalla Cina continentale nel primo trimestre del 2020, riporta AT.

Ma le chiusure potrebbero essere finanziariamente rovinose per Tsmc e i suoi molti fornitori e acquirenti. Le chiusure potrebbero anche colpire pesantemente Tsmc se l’azienda fosse gravata da un risarcimento per ritardi nelle consegne.

Nonostante esistano piani per spostare la produzione non altri impianti nelle città taiwanesi di Hsinchu, Tainan e Taichung; l’economia globale affamata di chip vedrà più interruzioni e ritardi prolungati se Taiwan non riesce a mantenere una produzione normale.

Ma il peggio deve ancora venire, secondo gli esperti: l’agente patogeno sembra sfuggito al controllo sull’isola.

Nel frattempo, l’impatto della perenne carenza di energia di Taiwan si è fatta sentire: in cinque giorni della scorsa settimana, l’isola è stata colpita da due massicce interruzioni di corrente quando i blackout si sono verificati come in un domino. Nel secondo incidente del 18 maggio, 20 milioni di utenti industriali e domestici da Taipei a Taichung sono rimasti senza corrente.

I rifornimenti di energia si stanno prosciugando ulteriormente nel periodo di siccità più lungo di Taiwan in più di mezzo secolo, con le centrali idroelettriche che operano al di sotto della capacità e molti serbatoi e fiumi che si prosciugano.

L’Economic Daily di Taiwan ha riferito la settimana scorsa che Tsmc ha preso autopompe per consegnare l’acqua al suo campus e agli stabilimenti di Hsinchu. La città vista come la Silicon Valley di Taiwan inizierà a razionare l’acqua il mese prossimo.

I clienti e gli utenti finali dovranno ora sopportare attese ancora più lunghe di più di 17 settimane, il tempo medio tra un ordine effettuato a Tsmc e la spedizione, secondo Central News Agency di Taiwan.

Maddalena Ingroia