STATI UNITI. Le armi del futuro: tra fantascienza e realtà bellica futura

336

La Marina degli Stati Uniti ha sospeso per ora lo sviluppo di un’arma futuristica che spara proiettili fino a sette volte la velocità del suono usando l’elettricità. La Marina ha trascorso più di un decennio a sviluppare il cannone elettromagnetico e una volta ha considerato di metterlo sui nuovi, cacciatorpediniere stealth di classe Zumwalt, come raccontato nel romanzo Ghost Fleet.

Ma il Dipartimento della Difesa sta rivolgendo la sua attenzione ai missili ipersonici per tenere il passo con la Cina, che ha sviluppato il suo cannone elettromagnetico, e la Russia, e la Us Navy ha tagliato i fondi per la ricerca sui canzoni elettromagnetici dalla sua ultima proposta di bilancio. La rimozione dei finanziamenti suggerisce che la Marina Usa ha visto sia le sfide nell’implementazione della tecnologia che le carenze nella gamma dei proiettili rispetto ai missili ipersonici, riporta Defense News.

La decisione della Us Navy di mettere in pausa la ricerca alla fine dell’anno libera le risorse per i missili ipersonici, i sistemi ad energia diretta (come i laser) e i sistemi di guerra elettronica. Le informazioni raccolte durante i test saranno conservate nel caso in cui l’Office of Naval Research voglia riprendere da dove ha lasciato in futuro. In tutto, la Marina ha speso circa 500 milioni di dollari in ricerca e sviluppo di questa arma. La tecnologia era vicina a fare il salto dalla fantascienza alla realtà nel XXI secolo con il test dei prototipi.

Il concetto aveva la possibilità di fornire un’arma efficace a pochi centesimi di dollaro rispetto alle bombe intelligenti e ai missili. Questo perché i cannoni elettromagnetici usano l’elettricità invece della polvere da sparo, o dei motori a reazione o a razzo, per accelerare un proiettile a sei o sette volte la velocità del suono. Questo crea abbastanza energia cinetica per distruggere gli obiettivi. Ma c’erano una serie di problemi. Questi includevano la portata dell’arma. Una nave della Marina non poteva impiegare il cannone senza mettersi nel raggio d’azione di una raffica di missili nemici. E la sua utilità per la difesa missilistica era anche limitata dalla portata e dal ritmo di fuoco.

L’idea risale agli anni ’40. Ma ci sono sempre stati grandi ostacoli perché le rotaie parallele, o conduttori, sono soggette a massicce correnti elettriche e forze magnetiche che possono causare danni dopo pochi colpi. Una grande domanda è sempre stata se il cannone possa restare integro durante il tiro continuo.

Un cannone normale può essere utilizzato circa 600 volte prima che la canna debba essere rinnovata, ma la canna del prototipo di railgun doveva essere sostituita dopo circa 24 colpi.

Qualche anno fa, la Marina stava parlando di mettere il cannone sulla futura nave da guerra Lyndon B. Johnson, l’ultimo dei tre cacciatorpediniere stealth. È in fase di completamento e di prove. La nave usa turbine marine simili a quelle che spingono gli aerei Boeing 777 per produrre fino a 78 megawatt di elettricità da usare per la propulsione, le armi e i sensori. Questo è più che sufficiente per il cannone ferroviario, e la nave ha spazio in seguito alla cancellazione del sistema avanzato di armi, lasciando la nave senza un’arma convenzionale basata su cannone.

Invece, la Marina sta perseguendo una derivazione del cannone ferroviario, un proiettile ad ipervelocità, che può essere sparato dai sistemi di armi esistenti.

Lucia Giannini