SANZIONI. Ecco i 5 Paesi che “lavano” il petrolio russo e lo rivendono

202

La lunga serie di sanzioni energetiche che l’Occidente ha imposto alla Russia, bloccando le importazioni di greggio trasportato via mare e i prodotti petroliferi raffinati, imponendo un prezzo massimo di 60 dollari sulle vendite ai paesi non occidentali sarebbe stata l’ossatura del tentativo di ridurre la capacità del Cremlino di finanziare la guerra in Ucraina.

Allo stesso tempo, le nazioni che hanno sanzionato il petrolio russo hanno aumentato drasticamente le importazioni di prodotti petroliferi raffinati da paesi che sono diventati i maggiori importatori di greggio russo da quando Mosca ha invaso l’Ucraina lo scorso febbraio, secondo un recente rapporto Crea – Centro di ricerca su energia e aria pulita.

L’organizzazione etichetta cinque paesi non sanzionatori – Cina, India, Turchia, Emirati Arabi Uniti e Singapore – come “riciclatori” di petrolio russo, che viene miscelato con greggio di origine non russa e riesportato in tutto il mondo, anche verso il proprio le nazioni che applicano il tetto massimo e l’embargo in quella che il Crea descrive come una “grande scappatoia” nel regime delle sanzioni, riporta AT.

Il divieto dell’Ue sul petrolio e il prezzo massimo, imposti rispettivamente a dicembre e febbraio, sono costati a Mosca circa 160 milioni di euro al giorno, ma sono stati progettati per consentire ai flussi di petrolio russo sui mercati globali di mantenere bassi i prezzi ed evitare interruzioni dell’approvvigionamento.

Adesso le entrare della Russia proseguono, per una serie di scappatoie “legali” come l’acquisto da paesi terzi: questo processo fornisce una maggiore domanda di petrolio russo, creando volumi e prezzi di esportazione più elevati.

A novembre 2022, l’Agenzia internazionale per l’energia ha previsto che la produzione di petrolio russo sarebbe diminuita di 1,4 milioni di barili al giorno (bpd) nel 2023 a seguito del divieto dell’Ue sulle esportazioni marittime di greggio russo. Ma con oltre il 90% del greggio russo che ora trova acquirenti in Asia, le esportazioni sono state in media di 3,76 milioni di barili al giorno ad aprile, il 22% in più rispetto al livello medio prebellico di 3,1 milioni di barili al giorno, secondo S&P Global.

Il Crea mostra che le importazioni via mare di greggio russo verso Cina, India, Turchia, Emirati Arabi Uniti e Singapore sono aumentate del 140% in termini di volume, o del 182% in valore rispetto all’anno precedente, dallo scoppio della guerra in Ucraina. Il valore totale delle loro importazioni è stato di 74,8 miliardi di euro in 12 mesi, con cinque paesi che rappresentano il 70% delle esportazioni di greggio della Russia dall’inizio della guerra.

Dall’invasione, l’Ue, il G7 e l’Australia hanno aumentato il volume dei prodotti petroliferi raffinati importati dalla Cina del 94%, l’India del 2%, la Turchia del 43%, gli Emirati Arabi Uniti del 23% e Singapore del 33%. Le esportazioni di prodotti petroliferi delle cinque nazioni sono aumentate dell’80% in termini di valore e del 26% in termini di volume verso i paesi con limite di prezzo, afferma il rapporto, con un aumento di solo il 2% in volume verso i paesi senza limite di prezzo da febbraio 2022.

Il commercio di prodotti a base di greggio russo è diventato redditizio poiché è più difficile risalire alle origini dei prodotti petroliferi raffinati che identificare la fonte del greggio. Di conseguenza, quando sono state attuate le sanzioni contro il petrolio russo, il prezzo del greggio russo è sceso drasticamente, ma non quello dei prodotti raffinati realizzati con greggio russo.

Singapore è uno dei principali centri commerciali che beneficiano dei piani di elusione delle sanzioni russe, l’hub commerciale del sud-est asiatico è segnalato come uno dei luoghi in cui quel petrolio viene miscelato con altri per cominciare, dando ai commercianti fino al 20% di margine di profitto dalla combinazione del petrolio russo con altri.

L’industria di raffinazione di Singapore è una delle più grandi al mondo con una capacità di lavorazione combinata di oltre 1,5 milioni di barili al giorno e svolge un ruolo significativo nel mercato petrolifero globale. Il centro commerciale e finanziario è anche un centro importante per il bunkeraggio e il commercio di petrolio, con il Singapore Exchange che offre futures e opzioni sul petrolio greggio, derivati dell’olio combustibile e altri prodotti energetici.

Singapore è stata pubblicamente critica nei confronti dell’invasione russa dell’Ucraina, imponendo sanzioni e restrizioni mirate alla Russia che coprono i controlli sulle esportazioni di beni militari e di alcuni beni a duplice uso, nonché misure che vietano alle istituzioni finanziarie di trattare con banche russe designate. Singapore tuttavia, non ha vietato l’importazione di petrolio o prodotti petroliferi russi. Oltre alla raffinazione del greggio russo, Singapore ha notevolmente aumentato le sue importazioni di prodotti petroliferi raffinati dalla Russia negli ultimi mesi, ad aprile è stato registrato il volume più alto da gennaio 2019, accompagnato da un corrispondente aumento delle esportazioni.

Le imprese di Singapore si stanno comportando legalmente e apparentemente non stanno infrangendo alcuna legge in questo commercio. Le autorità della città-stato hanno affermato che le società locali dovranno considerare e gestire qualsiasi potenziale impatto sulle loro attività commerciali, transazioni e relazioni con i clienti quando si tratta di petrolio greggio russo e prodotti raffinati.

Oltre alle importazioni di diesel russo che hanno raggiunto il volume più alto in più di un anno, i dati ufficiali hanno mostrato che le importazioni di nafta russa da Singapore, che viene utilizzata nella miscelazione della benzina e anche un ingrediente chiave nella plastica e nei prodotti petrolchimici, sono quasi triplicate nel primo trimestre del 2023 a 741.000 tonnellate, rispetto alle circa 261.000 tonnellate del quarto trimestre dello scorso anno.

Secondo quanto riferito, anche la domanda di serbatoi di stoccaggio del petrolio a Singapore è aumentata, indicazione che il carburante russo viene miscelato e riesportato a livello globale.

Secondo il rapporto Crea, il 56% del greggio russo spedito nei cinque paesi “lavanderia” è stato trasportato da navi di proprietà o assicurate dalle nazioni con limite di prezzo da dicembre 2022 a febbraio 2023.

La Russia, che ha vietato gli accordi che comportano l’applicazione del meccanismo del price cap, e i suoi partner stanno ora investendo in navi battenti bandiera, classificate e assicurate in giurisdizioni al di fuori della portata dell’Ue e del G7 per evitare i vincoli del price cap.

Antonio Albanese

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/