RUSSIA. Putin chiede colloqui sulla presenza NATO ai suoi confini

336

Il presidente russo Vladimir Putin ha invitato l’Occidente ad avviare colloqui su un accordo di sicurezza e garanzie legali che impediscano alla Nato di espandersi a est: «I colleghi occidentali non hanno adempiuto ai loro rispettivi obblighi verbali», ha detto Putin e ha ribadito che la Russia vede minacce nelle esercitazioni della Nato vicino ai suoi confini e si è lamentata che gli Stati Uniti stanno armando l’Ucraina con più armi.

La proposta di Putin è stata fatta mentre dall’Ucraina arrivano notizie che Kiev ha spostato 125.000 soldati fino alla linea di contatto nel Donbas, circa la metà della sua forza attiva. Putin aveva detto in precedenza che Mosca era preoccupata che il governo dell’Ucraina tentasse di riprendere la regione del Donbas con la forza.

Mosca chiede un nuovo accordo di sicurezza post-Guerra Fredda con l’Occidente dal 2008, quando l’allora presidente Dmitry Medvedev ha offerto all’Ue un accordo quadro durante il suo primo viaggio all’estero. La proposta era stata respinta, riporta BneIntellinews. Putin ha riproposto la questione durante un discorso di politica estera in cui ha ordinato ai diplomatici russi di ottenere un nuovo accordo di sicurezza con l’Occidente per regolare le azioni della Nato nei paesi vicini alla Russia.

Il 1° dicembre Putin ha dato seguito alla proposta di avviare i negoziati durante una cerimonia di giuramento dei nuovi ambasciatori. Secondo lui, la Russia intende cercare «garanzie di sicurezza affidabili e a lungo termine» e nei negoziati con gli Stati Uniti e i suoi alleati «insisterà sull’elaborazione di accordi specifici, escludendo qualsiasi avanzata della Nato verso est», ha detto Putin agli ambasciatori. Putin ha sottolineato che sono proprio le garanzie giuridiche di cui Mosca ha bisogno, perché i paesi occidentali non hanno rispettato i loro obblighi orali.

«Tutti sono a conoscenza delle assicurazioni orali date che la Nato non si espanderà verso est», ha detto Putin, ma secondo lui, è stato fatto esattamente il contrario. Il presidente russo ha sottolineato che «le legittime preoccupazioni della sicurezza russa» sono state ignorate e sono ancora ignorate.

Putin si riferiva alle promesse fatte a Mikhail Gorbaciov durante i colloqui sulla riunificazione della Germania, in cui i documenti recentemente declassificati mostrano che una dozzina di leader europei gli promisero che la Nato non si sarebbe espansa verso est. Tuttavia, nulla fu mai messo per iscritto e l’Occidente in seguito non mantenne la sua promessa, qualcosa di cui Putin si è lamentato da quando ha tirato fuori questo argomento per la prima volta durante un famoso discorso alla conferenza sulla sicurezza di Monaco nel 2007.

Ora le tensioni ai confini occidentali della Russia stanno crescendo di nuovo: «Basta vedere come l’infrastruttura militare dell’Alleanza Nord Atlantica si sia avvicinata ai confini russi», ha detto. In risposta, ha detto il presidente, la parte russa sta prendendo adeguate misure tecnico-militari. «Ma, ripeto, non siamo noi a minacciare qualcuno, e dare la colpa a noi per questo – tenendo conto dello stato reale delle cose, cioè spostando la colpa, come si dice, da una testa dolente a una sana, è quanto meno irresponsabile», ha detto.

Il 30 novembre, il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg aveva detto che i ministri degli Esteri dei paesi membri della Nato hanno discusso di possibili sanzioni economiche e misure politiche contro la Russia durante un vertice a Riga in caso di “aggressione in Ucraina”. Secondo lui, i partecipanti al vertice hanno discusso la situazione sul confine russo-ucraino e hanno chiarito che «le azioni aggressive non passeranno inosservate». Stoltenberg ha invitato la Russia a «mostrare trasparenza e fermare l’escalation».

Anna Lotti