BRASILE. PETROBRAS sarà venduta perché il futuro è Verde

99

Il ministro dell’economia brasiliano Paulo Guedes ha sottolineato il 2 dicembre che l’annunciato piano di privatizzazione del governo di circa 100 aziende deve includere Petrobras perché il “futuro è verde” e tra non molti anni il valore del greggio sarà pari a zero.

«Petrobras non soddisfa nessuno ed è una bomba a orologeria per il governo», ha sottolineato Guedes durante un evento con altre autorità in cui ha ribadito che il «mondo sta andando verso un’economia verde e digitale». Il Ministro non ha dimenticato di menzionare la recente estesa situazione di corruzione in cui è stato coinvolto il gigante del petrolio, riporta MercoPress.

La possibile privatizzazione del gigante del petrolio e del gas Petrobras, sotto il controllo del governo, ma con partecipazione privata e azioni quotate a San Paolo, New York e Madrid, è stata iniziata ad essere considerata dall’amministrazione del presidente Bolsonaro negli ultimi mesi.

Secondo le dichiarazioni di Bolsonaro l’idea nasce dai forti aumenti dei prezzi del carburante, quasi il 50% finora quest’anno, e che insieme ad altre questioni stanno erodendo la popolarità del presidente, che nell’ottobre 2022 si candiderà alla rielezione.

Solo il mese scorso Bolsonaro si è lamentato che Petrobras gli causasse solo “mal di testa” e si è rammaricato di non poter intervenire con le politiche dei prezzi del carburante, e la continua impennata dei costi complessivi per l’economia: «Cosa c’è di così grande nella Petrobras che raggiunge record di produzione, se i benefici finiscono nelle tasche degli azionisti» e non per la società e i consumatori.

Guedes ha previsto che coloro che si oppongono alla privatizzazione di Petrobras finiranno per sedersi su barili di petrolio che in pochi anni saranno senza valore, mentre ci spostiamo verso un futuro economico verde.

L’economista ortodosso, che vuole anche privatizzare tutte le aziende governative del Brasile, ha detto che coloro che sono contrari a tale politica e vogliono che Petrobras rimanga in mani governative, sono interessati solo a “rubare di nuovo”, in riferimento ai miliardi di dollari di corruzione che sono stati svelati da inchieste sulla più grande società brasiliana.

In effetti, la corruzione estesa e lo storno dei fondi Petrobras ha avuto luogo durante i governi del Partito dei Lavoratori, sotto la presidenza di Lula da Silva, che ancora una volta è emerso come il principale avversario di Bolsonaro nelle elezioni del prossimo ottobre.

Maddalena Ingrao