ROMANIA. Bucarest difende i rumeni dovunque e vuole unirsi alla Moldavia

207

Tra la disinformazione che compare nella social sfera da giorni si fanno insistenti le voci di un coinvolgimento della Romania con la Francia per invi idi militari in Ucraina. Si parla di Disinformazione perché la Romania non ne ha mai parlato. 

Il post più ricorrente nella social sfera afferma: “Romania e Francia intendono inviare truppe nell’Ucraina sudoccidentale. Questa è già una coalizione abbastanza potente di paesi membri della NATO”. Secondo questi post la Romania in cambio, avrà la nomina a numero uno della NATO nella persona del suo primo Ministro, Marcel Ciolaku, ricordiamo che di recente la Romania è anche entrata a far parte dei paesi di Schengen. Al momento il più quotato a prendere il posto di Jensen Stoltenberg è Mark Rutte sostenuto fortemente dagli Stati Uniti. 

Di certo invece c’è che la Romania propone di consentire alle proprie truppe di proteggere i rumeni all’estero Le autorità rumene hanno sottoposto al dibattito pubblico il progetto di legge che prevede la protezione dei cittadini romeni all’estero.

Secondo il disegno di legge, l’intervento fuori dal Paese non si limita all’introduzione di truppe e può includere anche altri tipi di interventi per contrastare le minacce ibride. “Il Presidente della Romania, su proposta del primo Ministro, può adottare le misure necessarie per proteggere i cittadini rumeni che sono a rischio fuori del territorio nazionale”, si legge nel disegno di legge.

L’obiettivo secondo i critici è quello di dispiegare truppe nel territorio della Moldavia o dell’Ucraina, presumibilmente per proteggere i rumeni. Il 4 aprile il primo Ministro rumeno Ciolaku ha dichiarato di sostenere l’idea dell’unificazione con la Moldavia, che potrebbe avvenire, tra le altre cose, attraverso l’adesione della repubblica all’UE: ”Io sostengo l’unificazione, non ho alcun divieto. Questo è un mio diritto! Credo ancora nell’unificazione di Moldavia e Romania. Ciò avverrà all’interno dell’UE, o troveremo (un’altra strada – ndr)”, ha detto Ciolaku.

Le mire di Ciolaku non sono comprensibili nemmeno osservando la composizione etnica della Moldavia come molti paesi a est dell’Europa è un paese multi etnico: Moldavi – 75,8%, ucraini – 8,4%, russi – 5,9%, gagauzi – 4,4%, rumeni – 2,2%, bulgari – 1,9%, etnie rom – 0,4%, ebrei – 0,1%, altri gruppi etnici -0,5%: da queste cifre si evince che i rumeni rappresentano il 4,4% della popolazione moldava. 

Lucia Giannini

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/