QATAR. Boeing presenta i nuovi caccia di Doha: Ababil

74

È stato presentato il primo lotto di nuovi jet da combattimento F-15QA della Boeing destinati al Qatar.

Come riporta Al Jazeera, il jet prodotto negli Stati Uniti e dalla Boeing, è stato mostrato l’8 settembre in una cerimonia presso la sede della Boeing in Missouri, presente il ministro di Stato del Qatar per gli affari della difesa Khalid bin Mohamed Al Attiyah.

Durante la cerimonia, è stato svelato il nome dell’aereo: Ababil, come un uccello rapace della mitologia islamica. Il Ministro ha detto che il Qatar sta acquistando l’aereo per scopi di difesa, aggiungendo che i nuovi aerei hanno migliori specifiche di combattimento e sono più veloci dei vecchi F-15.

«Il lancio dell’F-15QA è importante, non solo in termini di capacità, ma anche in termini di partenariato rafforzato che rappresenta (…) La relazione che gli Stati Uniti condividono con il Qatar è fondamentale per la stabilità e la sicurezza dell’area di responsabilità del comando centrale, e siamo grati per i nostri partner della coalizione che continuano a concentrarsi sulla costruzione dell’interoperabilità e della prontezza combinata», ha detto il generale Greg Guillot, comandante della nona forza aerea» riporta AT.

L’F-15QA, una versione del jet da combattimento F-15, contiene una serie di tecnologie di nuova generazione, riporta SlashGear.com.

Boeing descrive l’F-15QA come l’F-15 più avanzato, dicendo che doterà la Qatar Emiri Air Force di «più velocità, gamma e carico utile di qualsiasi caccia nel mondo ». I primi jet da combattimento F-15QA saranno trasportati alla Qatar Emiri Air Force, Qeaf, entro la fine del 2021, riporta Aerotime Hub.

Per allora, i piloti della Qeaf avranno ricevuto l’addestramento pre-consegna, che è iniziato all’inizio dell’anno. Gli aerei saranno basati nella base aerea di Al Udeid in Qatar, con una struttura che sarà costruita da Boeing entro il 2024.

Il Qatar ha ordinato 36 caccia F-15QA nel 2017 con un’opzione per altri 36, per un contratto totale valutato a circa 12 miliardi di dollari, dopo la contrapposizione con Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Egitto e Bahrain e il blocco imposto a Doha.

Boeing fornirà anche una versione per il mercato interno del jet da combattimento, chiamata F-15EX Eagle II, di cui l’Usaf è pronta a ordinare 144 unità.

Anche se la vecchia cellula non è all’altezza dei jet da combattimento di quinta generazione, alla fine dovrebbe fornire all’usar un’alternativa più economica per svolgere missioni di difesa dello spazio aereo interno e delle basi.

Luigi Medici