QATAR. Gli USA chiudono le basi logistiche e le spostano in Giordania

177

Gli Stati Uniti hanno chiuso le basi in Qatar che una volta conservavano magazzini pieni di armi e hanno trasferito le rimanenti forniture in Giordania, in una mossa che secondo gli analisti posiziona Washington per trattare meglio con l’Iran e riflette il cambiamento delle priorità militari nella regione.

I leader militari hanno chiuso il mese scorso l’U.S. Army Camp As Sayliyah-Main, insieme a Camp As Sayliyah-South, e un deposito di munizioni.

Camp As Sayliyah era noto per il suo Rest and Recuperation Pass Program, che ha dato a circa 200.000 truppe schierate una vacanza di quattro giorni. Il programma è durato dal 2002 al 2011 e ha offerto ai viaggiatori fino a due bicchieri di birra o vino al giorno, insieme al golf e alle gite in spiaggia.

Il campo è servito anche come area di sosta avanzata per i rifornimenti degli Stati Uniti in Medio Oriente, con 27 magazzini che ospitavano carri armati, veicoli corazzati per il personale e una varietà di attrezzature, riporta una dichiarazione dell’esercito Usa ripresa da War Is Boring.

I rifornimenti dalle tre basi, così come una missione di supporto basata lì, sono ora parte dell’Area Support Group-Jordan, riporta la dichiarazione del Comando Centrale degli Stati Uniti.

Chiudere le basi e spostare la missione in Giordania potrebbe avvantaggiare gli Stati Uniti in potenziali dispute con l’Iran. L’amministrazione Biden ha segnalato il desiderio di negoziare un accordo con l’Iran per garantire che il paese non sviluppi armi nucleari.

Spostare le truppe statunitensi in Giordania diminuisce la minaccia di attacchi missilistici nella regione del Golfo da parte delle milizie sostenute dall’Iran. La minaccia di attacchi missilistici contro le truppe statunitensi, come l’attacco dello scorso anno alla base aerea di al Asad, che ha lasciato più di 100 feriti, è uno strumento importante nella strategia negoziale di Teheran e si vuole essere in grado di negare agli iraniani una simile leva, in un negoziato.

La chiusura delle tre basi arriva mentre gli Stati Uniti spostano risorse in tutta l’area di responsabilità Centcom. Questo include il ritiro degli Stati Uniti dall’Afghanistan dopo 20 anni, così come il ritiro di otto batterie antimissile Patriot da Iraq, Kuwait, Giordania e Arabia Saudita.

Mentre le truppe lasciano l’Afghanistan, l’obiettivo dichiarato degli Stati Uniti è stato quello di spostare l’attenzione militare dalla controinsurrezione e dai conflitti in Medio Oriente alla competizione con attori statali, come la Cina.

Gli Stati Uniti continueranno ad usare la base aerea di Al Udeid in Qatar, hub di base per il Centcom, secondo la dichiarazione dello Us Army.

Tommaso Dal Passo