PANDEMIA. Il Covid nell’era del post vaccino: dal pomodoro transgenico al cocktail

243

L’era del dopo vaccino, a quanto pare somiglia molto a quella del pre vaccino. C’è il COVID-19. E mentre prosegue la campagna di vaccinazione e il relativo approvvigionamento in tutti i paesi del globo. A Taiwan, quattro dei 10 casi importati di COVID-19 confermati domenica 29 agosto dal Central Epidemic Command Center (CECC) erano stati completamente vaccinati, e uno di loro aveva ricevuto tre dosi di ZF2001 fabbricato in Cina ha riferito la CNA.

Secondo il CECC, i 10 nuovi casi importati includono sette maschi e tre femmine di età compresa tra 10 e 70 anni. Sono arrivati ​​da Cina, Cambogia, Stati Uniti, Myanmar, Pakistan e Vietnam dal 15 al 28 agosto.

I vaccini che hanno ricevuto includevano il vaccino cinese Sinovac, il vaccino Johnson & Johnson monodose, il vaccino Covaxin prodotto in India e il vaccino ZF2001. Philip Lo del CECC ha spiegato che ZF2001 è un vaccino a subunità proteica a base di RBD a tre dosi sviluppato in Cina. Il vaccino ZF2001, sviluppato da un’azienda di Chongqing Zhifei Biological Products, ha ricevuto l’approvazione per l’uso di emergenza in Cina a marzo e viene utilizzato anche in Uzbekistan, secondo quanto riportato dai media.

Va rilevato inoltre che Terry Jo, il miliardario fondatore del principale fornitore di Apple, ha chiesto a BioNTech SE di riservare 30 milioni di dosi di vaccino contro il COVID-19 per Taiwan, affermando di aver ricevuto una risposta “molto buona”.

La ricerca da parte di Taiwan del vaccino, sviluppato congiuntamente con Pfizer, si trascina da mesi, a causa delle accuse di ingerenza politica di Taipei da Pechino, che afferma che l’isola è territorio cinese. Pechino ha negato le accuse. Il governo di Taiwan ha poi permesso a Gou e Foxconn – ufficialmente Hon Hai Precision Industry Co Ltd – e Taiwan Semiconductor Manufacturing Co Ltd, di negoziare per suo conto per le iniezioni. Il mese scorso è stato firmato un accordo del valore di 350 milioni di dollari per 10 milioni di fiale, che sarà devoluto al governo per la distribuzione. Inoltre un totale di 30.000 dosi del vaccino Moderna COVID-19 donate dalla Repubblica Ceca dovrebbero arrivare all’aeroporto internazionale di Taiwan Taoyuan domenica 5 settembre, secondo l’aeroporto. Le dosi di Moderna da consegnare a Taiwan fanno parte della donazione promessa della Repubblica Ceca fino a 2,39 milioni di dosi di vaccino contro il COVID-19 ai paesi dei Balcani, dell’Africa e dell’Asia quest’anno, annunciata dal ministro della Salute ceco Adam Vojtěch a luglio.

In Australia, i regolatori dei farmaci australiani hanno approvato l’uso del vaccino Pfizer COVID-19 per i bambini dai 12 ai 15 anni.

Il gruppo consultivo tecnico australiano sull’immunizzazione ha informato il governo federale che il vaccino Pfizer è sicuro ed efficace per i bambini dai 12 ai 15 anni.

I regolatori dei farmaci hanno insistito sul fatto che i benefici della vaccinazione COVID-19 per i bambini di quella fascia di età superano di gran lunga i potenziali rischi, inclusa la miocardite, in cui il muscolo cardiaco è infiammato.

Il vaccino Pfizer era già disponibile per i bambini aborigeni australiani di età compresa tra 12 e 15 anni che hanno condizioni mediche pregresse o vivono in aree remote.

In Giappone, due persone sono morte dopo aver ricevuto vaccinazioni AntiCOVID-19 di Moderna, che sono state tra i lotti successivamente sospesi in seguito alla scoperta di contaminanti, ha affermato il ministero della Salute giapponese. Gli uomini deceduti, erano sulla trentina e sono morti questo mese pochi giorni dopo aver ricevuto la loro seconda dose di Moderna, ha detto il Ministero in un comunicato. Il Giappone ha interrotto l’uso di 1,63 milioni di dosi di Moderna spedite a 863 centri di vaccinazione a livello nazionale, più di una settimana dopo che il distributore nazionale, Takeda Pharmaceutical Co, ha ricevuto segnalazioni di contaminanti in alcune fiale. «In questo momento, non abbiamo alcuna prova che queste morti siano causate dal vaccino Moderna COVID-19», hanno detto Moderna e Takeda in una dichiarazione sabato. «È importante condurre un’indagine formale per determinare se ci sia qualche collegamento».

Il governo ha anche affermato che non sono stati identificati problemi di sicurezza o efficacia e che la sospensione dei tre lotti di Moderna è stata una precauzione. Si ritiene che i contaminanti trovati in alcune fiale in Giappone siano particelle metalliche, ha riferito l’emittente pubblica NHK, citando fonti del ministero della Salute. Secondo Bloomberg inoltre, il Giappone potrebbe mescolare le iniezioni per il Covid-19 di AstraZeneca con quelli sviluppati da altre società per accelerare il suo sforzo di vaccinazione, ha affermato il Ministro incaricato della vaccinazione nel Paese. L’idea sarebbe quella di combinare la dose con una di Pfizer-BioNTech o Moderna, ha detto Taro Kono domenica 29 agosto in un programma di notizie di Fuji TV. «Poiché AstraZeneca raccomanda otto settimane tra le due iniezioni, è probabile che il tempo possa essere ridotto se combinato», ha aggiunto Kono.

In Brasile, Agencia Brasil riporta che secondo il ministero della Salute, il Brasile ha raggiunto l’80% della popolazione di età superiore ai 18 anni vaccinata con la prima dose del vaccino contro il COVID-19, il che significa che più di 128 milioni di brasiliani hanno ricevuto la prima dose. Il piano vaccinale stima che entro il 15 settembre saranno distribuiti vaccini sufficienti per applicare la prima dose all’intera popolazione brasiliana di età superiore ai 18 anni, che rappresenta un totale di 160 milioni di persone. Per essere protetti, è necessario completare il programma di vaccinazione. La maggior parte dei vaccini applicati in Brasile necessita di una seconda dose per raggiungere la massima potenza. In tutto, finora, 60 milioni di brasiliani, pari al 37% della popolazione adulta, sono con il programma di vaccinazione completo.

In Cina, la metà della popolazione idonea di Hong Kong ha ricevuto entrambe le dosi del vaccino anti COVID-19, mentre l’hub finanziario cinese sta facendo del suo meglio per raggiungere una sufficiente immunità di gregge nel contesto della violenta epidemia mondiale.

Circa 3,37 milioni di residenti di Hong Kong sono stati completamente vaccinati grazie a un programma governativo di somministrazione iniziato alla fine di febbraio di quest’anno, mentre sono più di 4,09 milioni le persone ad aver ricevuto la loro prima dose.

In Egitto, il primo lotto da 1 milione di dosi del vaccino contro il coronavirus prodotto localmente in è stato distribuito a 657 centri di vaccinazione in tutto il Paese: lo ha annunciato in una conferenza stampa la ministra della Sanità egiziana Hala Zayed. L’Egitto è il primo Paese africano ad aver prodotto localmente un vaccino contro il coronavirus.

I vaccini sono stati prodotti in seguito a un accordo di cooperazione tra la società cinese Sinovac e la Holding Company egiziana per i prodotti biologici e i vaccini (Vacsera), che produrrà 15/18 milioni di dosi al mese.

Khaled Mujahid, assistente del ministro della Salute, ha ricordato che a maggio è stato stipulato un accordo per la fornitura di materie prime per la produzione del vaccino: i team medici e gli operatori di Vacsera sono stati formati da esperti cinesi presso una struttura Sinovac in Cina, trasferendo la tecnologia e il know-how di produzione dei vaccini dalla Cina.

In Uzbekistan, i ricercatori stanno testando un “vaccino transgenico al pomodoro commestibile” come parte degli sforzi per contenere la pandemia di COVID-19 in corso.

Gli scienziati del Centro per la genomica e la bioinformatica dell’Accademia delle scienze stanno lavorando per sviluppare un vaccino commestibile contro il virus modificando la genetica dei pomodori, ha affermato venerdì una dichiarazione del ministero per lo sviluppo innovativo del paese.

In Sudafrica, scoperta una nuova variante del Coronavirus che sarebbe più contagiosa della Delta e soprattutto “bucherebbe” tutti i vaccini. La mutazione è stata rilevata per la prima volta in Sudafrica da un gruppo di scienziati. Si tratta del ceppo C.1.2, che è collegato alla “maggiore trasmissibilità”, è più lontano dalle mutazioni del virus originale visto a Wuhan, hanno scritto gli esperti dell’Istituto nazionale per le malattie trasmissibili del Sudafrica.

Quello che preoccupa gli scienziati che hanno scoperto la nuova variante del Coronavirus sudafricana, è che questa mutazione possa essere più infettiva ed eludere i vaccini anti Covid.

Secondo quanto riportato dal Jerusalem Post si teme che la nuova variante Sudafricana possa essere più contagiosa e possa bucare i vaccini, secondo un nuovo studio prestampato dell’Istituto nazionale per le malattie trasmissibili del Sudafrica e la piattaforma per l’innovazione e il sequenziamento della ricerca KwaZulu-Natal.

Infine, l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) e l’Unicef hanno affermato che gli insegnanti e il personale scolastico dovrebbero essere inclusi tra i gruppi prioritari per le vaccinazioni anti COVID in modo che le scuole in Europa e in Asia centrale possano rimanere aperte. Le misure per garantire che le scuole possano rimanere aperte durante la pandemia «includono l’offerta del vaccino anti COVID-19 agli insegnanti e al personale scolastico, nell’ambito dei gruppi di popolazione target nei piani di vaccinazione nazionali», hanno scritto le agenzie delle Nazioni Unite in un comunicato.

Salvatore Nicoletta