MOLDAVIA. Tiraspol accusa Chisinau di creare disordini e crisi umanitaria

0

La repubblica separatista della Transnistria in Moldavia è “sull’orlo di una crisi umanitaria”, ha dichiarato Sergey Obolonik, capo del Ministero dello Sviluppo Economico della Transnistria.

La Moldovagaz ha limitato le forniture di gas alla Transnistria dopo che la regione separatista ha sospeso le forniture di elettricità all’inizio di novembre. Le quantità sono state comunque ridotte a livelli tali da coprire il fabbisogno di elettricità e riscaldamento della popolazione locale, riporta BneIntelliNews.

In precedenza, il presidente della regione Vadim Krasnoselsky aveva dichiarato che si sarebbe rivolto a Gazprom e alle autorità russe affinché intervenissero per costringere Moldovagaz a trasferire più gas. Le centrali elettriche della Transnistria bruciano gas russo, rifornendo sia la repubblica separatista che il resto della Moldavia.

Tuttavia, la stessa Gazprom ha ridotto il volume di gas consegnato a Moldovagaz alla metà del quantitativo contrattuale, a partire dal 1° novembre. La Moldavia sta quindi affrontando una crisi energetica, anche perché di solito si affida all’elettricità proveniente dalla Transnistria. I prezzi dell’elettricità sono triplicati dall’inizio dell’anno, poiché Chisinau si è rivolta alle più costose importazioni dalla Romania. Le autorità hanno anche messo in guardia contro i blackout.

In Transnistria, i filobus circoleranno solo nelle ore di punta e l’acqua calda sarà erogata secondo un rigido programma orario al mattino e al pomeriggio, ha annunciato Sergey Obolonik, capo del Ministero dello Sviluppo Economico della Transnistria. Solo il riscaldamento per le famiglie sarà fornito come di consueto.

«I volumi di gas che sono stati consegnati alla Transnistria dal 1° novembre non sono sufficienti. Saranno insufficienti non solo per l’industria, ma anche per la popolazione e le strutture sociali. Siamo sull’orlo di una crisi umanitaria. Non c’è più un contratto energetico, i maggiori consumatori di gas sono stati fermati, l’acciaieria MMZ, il cementificio RCC sono inattivi, la fabbrica tessile Tirotex, una fabbrica di mattoni e altre imprese saranno fermate», ha dichiarato Obolonik, riporta TSV Pridnestrovie.

Si tratta di un cambiamento inaspettato nel comportamento delle autorità della Transnistria, che hanno collaborato con Chisinau dall’inizio della guerra in Ucraina a febbraio, e potrebbe essere attribuito all’influenza della Russia.

Separatamente, il presidente moldavo Maia Sandu ha confermato che ci sono prove evidenti che i disordini sociali a Chisinau – ufficialmente organizzati dal partito Shor e dai socialisti – sono in realtà stimolati dai servizi segreti russi.

Antonio Albanese