#ISRAELHAMASWAR. IDF: Sfondata la linea di Hamas a Gaza nord. Incidenti al confine con l’Egitto

81

A partire dal 1 di novembre l’IDF ha spiegato che «l’operazione di terra israeliana prende slancio: il centro amministrativo di Gaza City viene attaccato da 5 direzioni». L’IDF ha colpito i tunnel sotterranei a Jabaliya, dove si trova il più grande campo profughi, Hamas riferisce di 400 morti, metà dei quali bambini. Alle 19:50 del 1 di novembre il portavoce dell’IDF afferma che «Le forze israeliane hanno sfondato la linea del fronte di Hamas nel nord della Striscia di Gaza”». 

Il Qatar fa sapere in una nota che l’accordo che sta mediando con Hamas prevede il ritiro di tutti gli stranieri da Gaza, non è legato ai negoziati sui prigionieri. 

L’ONU condanna gli autori delle rivolte all’aeroporto di Makhachkala, nel Daghestan, ha dichiarato in un briefing il portavoce del segretario generale dell’organizzazione, Stephane Dujarric. «Per quanto ho capito, le forze di sicurezza e il governo hanno ristabilito l’ordine, ma condanniamo inequivocabilmente le azioni e le parole di quelle persone che hanno tentato di assaltare l’aeroporto, che hanno cercato di dare la caccia alle persone solo a causa della loro religione. E condanniamo questi atti di antisemitismo», ha detto Dujarric.

L’ONU ha chiesto informazioni sul piano di Israele per il reinsediamento di 2,3 milioni di residenti nella Striscia di Gaza: siamo contrari allo sfollamento forzato delle persone. Il vice segretario generale delle Nazioni Unite ha definito un’atrocità l’attacco israeliano al campo profughi di Jebaliya nella Striscia di Gaza. Il Segretario generale delle Nazioni Unite ha condannato l’uccisione di civili durante l’attacco israeliano al campo di Jebaliya: tutte le parti devono rispettare il diritto internazionale, fonte ufficio del Segretario generale. Gli attacchi israeliani al campo profughi di Gaza potrebbero costituire un crimine di guerra ha riferito l’Ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani.

Il Commissario generale dell’Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l’occupazione dei rifugiati palestinesi nel Vicino Oriente (UNRWA), Philippe Lazzarini, riferisce che donne e bambini rappresentano circa il 70% delle persone uccise nella Striscia di Gaza dall’escalation del conflitto israelo-palestinese: «Circa il 70% di tutte le persone uccise [nella Striscia di Gaza] sono donne e bambini», ha detto. Secondo lui, nell’arco di tre settimane sono stati uccisi quasi 3,2mila bambini nell’enclave. «Questo non può essere un danno collaterale». 

Amnesty International il due novembre in una dichiarazione afferma che Israele ha usato il fosforo bianco per attaccare la Striscia di Gaza e il Libano. Ha confermato l’uso da parte dell’IDF di munizioni riempite di fosforo bianco nella Striscia di Gaza. Secondo l’organizzazione, l’esercito israeliano l’ha utilizzato anche in attacchi contro obiettivi in ​​Libano. In precedenza, Human Rights Watch aveva rilasciato la stessa dichiarazione. L’uso di tali munizioni nelle aree residenziali è vietato dai protocolli aggiuntivi della Convenzione di Ginevra.

Il 30 ottobre il portavoce del Dipartimento di Stato Matt Miller dichiara che internet nella Striscia di Gaza dovrebbe funzionare. Il 31 ottobre i manifestanti a sostegno degli abitanti di Gaza hanno interrotto il discorso di Blinken al Congresso che chiedeva un “cessate il fuoco”. Gli Stati Uniti credono che sia necessario prendere in considerazione l’introduzione di pause umanitarie a Gaza, ha detto Blinken. L’FBI ha detto in una nota che Hamas potrebbe diventare più attivo negli Stati Uniti. Al momento, l’agenzia non ha informazioni che indichino che Hamas abbia l’intenzione o la capacità di condurre operazioni all’interno degli Stati Uniti, anche se non escluderà questa possibilità, ha detto Christopher Wray, numero uno dell’FBI.

Il Consiglio musulmano negli Stati Uniti ha dato a Biden un ultimatum sulla Striscia di Gaza. Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden non sosterrà un disegno di legge volto a stanziare aiuti solo a Israele senza tenere conto degli interessi dell’Ucraina, ha affermato l’ufficio bilancio della Casa Bianca. Biden porrà il veto su questo documento se verrà approvato dal Congresso. I miliardi chiesti per Israele, Ucraina e sicurezza dei confini ammontano a 106. 

La Casa Bianca ha ammesso che i bombardamenti israeliani su Gaza uccidono civili: è una tragedia, ma Israele sta cercando di minimizzare il numero delle vittime. Da fonti media si apprende che gli Stati Uniti e Israele stanno valutando la possibilità di inviare forze multinazionali nella Striscia di Gaza, che potrebbero includere l’esercito americano, scrive Bloomberg. Secondo la testata un contingente militare multinazionale potrebbe essere portato a Gaza dopo l’eliminazione del movimento palestinese di Hamas. L’obiettivo e dare vita a un piano per garantire il controllo temporaneo dell’enclave ai paesi della regione con l’appoggio delle truppe di Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia e Germania. Tuttavia, Israele non vuole utilizzare le forze di pace delle Nazioni Unite, considerando questa un’idea poco pratica. Gli Stati Uniti, afferma la Casa Bianca, in ogni caso continuano a non pianificare l’invio di truppe americane a Gaza “né adesso né poi”. 

L’UE ha ammesso di aver “gonfiato l’autostima”; i paesi europei non possono influenzare l’escalation del conflitto israelo-palestinese, scrive il quotidiano Politico, citando un anonimo funzionario europeo.

Israele potrebbe aver violato il diritto internazionale umanitario durante il bombardamento della Striscia di Gaza, come riportato da Reuters, ha detto il ministro degli Esteri norvegese Espen Bart Eide. «Siamo fiduciosi che ci siano stati precedenti in cui la proporzionalità [dell’uso della forza] e [il principio della] separazione [dei combattenti dai civili] non sono stati pienamente rispettati», ha affermato il ministro. Ha aggiunto che le prove delle violazioni del diritto umanitario internazionale includono immagini satellitari che mostrano aree bombardate, nonché case distrutte e strutture mediche con segni di attacchi. «Quella a cui assistiamo a Gaza è una situazione umanitaria terribilmente drammatica. <…> Questo è importante non solo dal punto di vista giuridico, ma anche perché verrà il momento in cui dovremo cercare soluzioni politiche. <.. .> Dobbiamo tornare alla questione chiave: cosa fare con il conflitto israelo-palestinese», ha detto Eide.

Diverse famiglie russe sono tra gli stranieri arrivati ​​al checkpoint di Rafah, da cui hanno cominciato a passare. Il rappresentante permanente della Russia presso l’ONU, Vasily Nebenzya, ha affermato che nell’attuale conflitto militare con il movimento radicale palestinese Hamas, Israele non ha diritto all’autodifesa. Ha collegato questo al fatto che Israele è uno “stato occupante”.

Tutta attuale la questione di dove dovrebbero andare a vivere i gazawiti. Ha fatto molto arrabbiare l’Egitto la dichiarazione di Benjamin Netanyahu che ha cercato ancorata volta di convincere i leader europei a fare pressione sull’Egitto affinché accetti i rifugiati da Gaza, Financial Times. Francia, Germania e Gran Bretagna si sono opposti, ritenendo l’idea irrealistica. Secondo loro, l’Egitto dovrebbe aiutare in termini umanitari, ma fare pressione sul Cairo affinché accetti i rifugiati è inutile. Le autorità israeliane hanno riconosciuto l’esistenza di un piano per reinsediare 2,3 milioni di residenti della Striscia di Gaza in Egitto, riferisce l’Associated Press, citando l’ufficio del Primo Ministro israeliano. Il 31 ottobre il primo ministro egiziano Mustafa Madbouly ha dichiarato martedì che il suo Paese non cederà alle pressioni israeliane e non accetterà i rifugiati palestinesi dalla Striscia di Gaza, riferisce l’agenzia EFE.

Il primo novembre l’Egitto ha annunciato l’apertura del terminal del checkpoint di Rafah: dalla Striscia di Gaza potranno passare circa 90 palestinesi feriti e 450 stranieri. E ha schierato dozzine di carri armati e veicoli corazzati da combattimento vicino al checkpoint di Rafah: le autorità temono un afflusso di rifugiati dalla Striscia di Gaza. Times of Israel scrive che L’Egitto ha posizionato carri armati e veicoli blindati vicino al valico di frontiera di Rafah nella Striscia di Gaza. Per la maggior parte, il Cairo mantiene chiuso il checkpoint di Rafah, consentendo l’ingresso nell’enclave solo ai camion che trasportano aiuti umanitari. Il governo ha adottato misure severe sotto forma di carri armati e veicoli corazzati da combattimento al confine a causa di un documento apparso, secondo il quale le autorità israeliane propongono di reinsediare 2,3 milioni di persone civili da Gaza all’Egitto. Alle 09:00 del 1 novembre i primi stranieri hanno lasciato la Striscia di Gaza: inizialmente si è parlato di americani, dipendenti delle Nazioni Unite e altre organizzazioni umanitarie. La Palestina prevede che 200 feriti e 358 stranieri potranno evacuare attraverso il checkpoint. Nel pomeriggio Hamas fa sapere che i cittadini statunitensi non hanno potuto lasciare la Striscia di Gaza: i funzionari americani non hanno soddisfatto le richieste avanzate da Hamas. Secondo Haaretz, i titolari di passaporto statunitense e le loro famiglie non sono tra i 500 cittadini stranieri autorizzati a lasciare la Striscia di Gaza in Egitto attraverso il valico di Rafah.

Il Segretario di Stato americano ha dichiarato che nell’enclave palestinese vivono circa 400 americani e, compresi i loro familiari, 1mila persone dovranno essere evacuate. Funzionari statunitensi hanno affermato di non essere riusciti a raggiungere un accordo con Hamas a causa della serie di richieste del gruppo e della sua riluttanza a soddisfarle.

Alle 21:35 del 1° novembre si apprende che i russi inizieranno a essere portati fuori dalla Striscia di Gaza non appena il confine sarà aperto: si tratta di circa 600 persone in totale, ha detto l’ambasciatore russo in Israele. Tra le 500 persone che hanno lasciato oggi la Striscia di Gaza attraverso il checkpoint di Rafah, non c’erano ancora cittadini russi, ha detto l’ambasciatore russo in Israele Anatoly Viktorov.

Hamas ha dato priorità ai cittadini giordani, iracheni, turchi, qatarini, malesi, indonesiani. Alle 12:56 il Ministero degli Esteri giordano ha annunciato l’inizio dell’evacuazione dei suoi cittadini dalla Striscia di Gaza attraverso il checkpoint di Rafah. La Giordania ha annunciato il richiamo immediato del suo ambasciatore in Israele. 

Il Bahrein espelle l’ambasciatore israeliano, richiama il proprio ambasciatore e annuncia la cessazione di tutte le relazioni economiche con Israele.

La Corea del Nord inizierà ad armare la Palestina e le milizie dell’asse della resistenza appoggiate dall’Iran. Il servizio di intelligence nazionale della Corea del Sud afferma di avere prove credibili che il leader della RPDC Kim Jong Un ha ordinato al suo governo di iniziare a fornire sostegno ai palestinesi. Secondo NIS, ha anche ordinato ai funzionari di iniziare a esaminare la possibilità di spedizioni di armi alle milizie delle fazioni della resistenza in tutto il Medio Oriente.

Continua la posizione dura di Israele nei confronti delle richieste palestinesi: Israele non consentirà l’ingresso di carburante a Gaza, nonostante le richieste delle organizzazioni umanitarie e del rappresentante delle Nazioni Unite. Il capo del Mossad ha visitato il Qatar per discutere della mediazione del Paese nel rilascio di oltre 235 cittadini israeliani e stranieri da Gaza, Non si conosce l’esito dell’incontro. 

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha riferito più volte che Israele sta cercando di proteggere i civili di Gaza dai pericoli, ma Hamas sta impedendo loro di partire verso un’area sicura, sostiene Netanyahu. E ah inoltre detto che non è d’accordo per un cessate il fuoco. Dal 31 ottobre è in corso la terza fase della guerra con Hamas e ha spiegato ai microfoni il Primo Ministro: «Questa fase prevede l’espansione dell’operazione militare di terra». A partire dal 30 novembre inoltre le navi missilistiche israeliane sono entrate nel Mar Rosso per rafforzare le difese. Il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant già il 31 ottobre affermava: L’IDF ha ottenuto successi “significativi” nell’operazione di terra nella Striscia di Gaza, ma “ha pagato un prezzo elevato”. Il piano di Israele per distruggere Hamas è completo al 10% – i media citano un funzionario israeliano senza nome.

A spiegare l’operazione militare l’IDF, Israele sta introducendo ulteriori forze nella Striscia di Gaza e la portata delle operazioni di terra continua ad espandersi, ha detto un portavoce dell’esercito. È iniziata una battaglia con Hamas nei tunnel sotterranei della Striscia di Gaza, ha riferito il servizio stampa dell’IDF. Attualmente sarebbero impegnati circa 20mila soldati israeliani – almeno due divisioni corazzate e di fanteria – sono entrati nella Striscia di Gaza dal 27 ottobre.

Il 31 ottobre alle 05:50 l’IDF bombarda la Cisgiordania, l’esercito israeliano ha fatto saltare in aria la casa del vice capo dell’ufficio politico di Hamas. Sono emersi filmati dell’esplosione della casa del vice capo del Politburo di Hamas, Saleh al-Arouri, nella città palestinese di Arura, situata in Cisgiordania. Le forze di difesa israeliane affermano di aver arrestato lo sceicco. Le sue condizioni sono ancora sconosciute.

Il 1° novembre alle 06:440ore italiane arriva la conferma da parte dell’IDF di 9 nove soldati dell’84a brigata di fanteria Givati. Tutte le persone uccise erano membri della stessa unità e sarebbero caduti in un’imboscata tesa da Hamas nella Striscia di Gaza.

Nel frattempo il 31 ottobre il portavoce dell’IDF, il tenente colonnello Richard Hecht, ha confermato alla CNN che Israele ha colpito il campo profughi per uccidere uno dei comandanti del movimento radicale palestinese Hamas. «[L’area] è un campo di battaglia molto complesso. Potrebbero esserci infrastrutture, tunnel», ha detto Hecht, commentando ciò che ha detto un giornalista della CNN sulle persone innocenti nel campo. Come ha riferito il canale televisivo Al Hadath, citando dati del Ministero degli affari interni palestinese, il numero dei morti e dei feriti a seguito di una serie di attacchi dell’aeronautica israeliana su Jabaliya ha superato i 400, metà dei quali bambini.

Dall’inizio della terza fase della guerra ad Hamas gli Stati Uniti hanno deciso di inviare ulteriori 300 soldati nell’area di responsabilità del Comando Centrale delle Forze Armate (CENTCOM) in Medio Oriente, ha detto il portavoce del Pentagono Patrick Ryder. Dal 31 ottobre gli Stati Uniti dispiegano forze militari in Medio Oriente su una scala senza precedenti fonte Evergreen Intel. È stato riferito che almeno 53 aerei C17 Globemaster III e 7 aerei C-5M Super Galaxy sono arrivati ​​dagli Stati Uniti nella regione del Mediterraneo orientale nelle ultime 24 ore.

Ghazi Hamad, portavoce della leadership del movimento islamico palestinese Hamas, a partire dal 31 ottobre ha assicurato che la Striscia di Gaza continuerà a resistere all’invasione di terra da parte di Israele. «Lo Stato e l’esercito israeliano non sono stati in grado di ottenere alcun risultato militare o politico dall’inizio della guerra. La Striscia di Gaza continuerà a resistere all’invasione di terra da parte di Israele», fonte Al Arabiya.

Hamas nello stesso giorno in una nota su telegram scrive: «Gaza diventerà un cimitero per gli invasori. Diamo a Netanyahu e ai suoi soldati la buona notizia che alla fine della guerra si inginocchieranno». A seguito del post on line compare un video dove Hamas presentata il proprio siluro guidato Al-Asif.

A partire dal 1° di novembre Hamas ha postato on line il video dell’imboscata contro i militari israeliani. Nel video si vede chiaramente che Hamas è emerso dalle viscere della terra. L’Incubo dei tunnel di Hamas diventa realtà. L’area dell’attacco è Jenin palestinese, sulla sponda occidentale della Giordania, a seguito della quale è stato fatto saltare in aria un veicolo corazzato israeliano. Sempre il 1° novembre Hamas per la prima volta dall’inizio dell’escalation intorno alla Striscia di Gaza (7 ottobre) ha utilizzato siluri per attaccare obiettivi navali israeliani.

In un comunicato Hamas ha espresso gratitudine ai presidenti di Turchia e Algeria, nonché al Primo Ministro della Malesia e al Ministro degli Esteri dell’Oman per le loro dichiarazioni, in cui si sottolinea chiaramente che “Hamas è un gruppo di liberazione nazionale”. Secondo Bild Hamas ha riferito che sette ostaggi sono stati uccisi in seguito a un attacco aereo israeliano sul campo profughi di Jabaliya. Hamas il 1 novembre ha pubblicato elenchi di cittadini stranieri, palestinesi con doppia cittadinanza, nonché personale del CICR e delle ONG che potranno lasciare Gaza. 

A partire dal 1 novembre Hezbollah libanese ha fatto sapere che entrerà nel conflitto israelo-palestinese se il movimento palestinese di Hamas si troverà in difficoltà disperate, riferisce il New York Times, citando un funzionario libanese. “I combattenti di Hezbollah hanno affermato che la loro linea rossa per l’intervento è la distruzione di Hamas, e che entreranno in guerra se il gruppo sarà allo stremo”, si legge nella pubblicazione. Hezbollah non sembra attaccare Israele con tutta la forza per evitare l’escalation del conflitto, ha detto un diplomatico regionale. Secondo il movimento libanese Hamas è in una buona posizione e non ha ancora bisogno di aiuto.

Il due novembre però il leader di Hezbollah ha annunciato la prontezza delle unità del movimento per la guerra contro Israele. Il Social Network X ha sospeso l’account Twitter del gruppo libanese Hezbollah a causa di violazioni delle sue regole in materia di minacce di violenza.

Gli Houthi yemeniti del movimento Ansar Allah dopo aver dichiarato guerra a Israele a partire dal 31 di ottobre hanno cominciato a lanciare una serie di attacchi sul territorio israeliano e hanno affermato che ce ne sarebbero stati molti altri. Gli Houthi hanno attaccato Israele con droni, missili balistici e da crociera, ha detto Yahya Saria. Il movimento intende effettuare attacchi in tutto il paese finché l’IDF “non interromperà l’operazione a Gaza”. Un rappresentante del movimento ha sottolineato che ci saranno molti più bombardamenti. Ha anche minacciato l’Arabia Saudita, le cui forze stanno intercettando gli attacchi yemeniti. Saria ha indicato il Paese come il prossimo obiettivo se le intercettazioni non si fermeranno

Gli Houthi yemeniti hanno minacciato di attaccare il centro di ricerca nucleare di Dimona. Tuttavia, è improbabile che Israele e i suoi alleati nel Mar Rosso (Stati Uniti ed Egitto) considerino con disprezzo le minacce di attaccare il centro nucleare. Il centro di ricerca nucleare di Dimona ospita un reattore nucleare da 24 MW. La propaganda di Ansar Allah (Houthi) dello Yemen ha pubblicato un poster in cui si allude a un possibile attacco alla flotta americana. 

A partire dal 2 novembre i generatori negli ospedali di Gaza si sono spenti, i pazienti sono quasi al buio. A Gerusalemme, in ottemperanza alla legge appena varata dallo stato di Israele la polizia picchia gli ebrei chassidici perché sostengono la Palestina. 

Ed ora uno sguardo alla zona del conflitto israelo-palestinese.

Striscia di Gaza

Le forze di difesa israeliane continuano a condurre operazioni di terra nella Striscia di Gaza. I combattimenti continuano nella periferia nord, a Beit Hanoun e nella zona costiera nel nord-ovest. A sud, l’IDF ha attraversato la strada principale dell’enclave di Salah ad-Din e si sta spostando più a est per interrompere completamente le comunicazioni terrestri tra il nord e il sud del settore. In serata sono apparse online immagini satellitari che mostrano l’attività dell’IDF nella fascia costiera settentrionale, ma l’esatta configurazione del fronte rimane ancora poco chiara. In generale nell’ultima settimana, le forze di difesa israeliane hanno operato attivamente nella Striscia di Gaza per creare un trampolino di lancio nel nord per lo sviluppo delle operazioni di terra e bloccare fisicamente la capitale dell’enclave.

In una delle zone a nord del settore, i soldati israeliani sono riusciti ad addentrarsi per 5 chilometri nel territorio: ora i combattimenti si svolgono al largo della costa mediterranea, vicino alla moschea Al-Khalidiya. Parallelamente, l’IDF sta espandendo il territorio precedentemente occupato vicino a Beit Hanoun, nel nord-est dell’enclave.

Sul fianco orientale, gli israeliani si sono incastrati nell’enclave in un tratto dell’autostrada Salah ed-Din un po’ a sud di Gaza City. L’IDF mira a tagliare la capitale dai rifornimenti dal sud. Tuttavia, per raggiungere questo obiettivo è necessario avanzare verso l’autostrada costiera Al Rashid, che è la seconda principale via logistica del settore.

Al confine israelo-libanese continuano senza sosta gli scontri tra i combattenti israeliani e quelli di Hezbollah: oggi questi ultimi hanno nuovamente sparato con degli ATGM contro postazioni dell’IDF vicino a Yiftah, Blida e Shmula. Venerdì dovrebbe parlare il segretario generale del gruppo, Hassan Nasrallah, rimasto in silenzio nelle ultime settimane. Al momento, nonostante l’invasione di terra delle truppe israeliane nell’enclave palestinese, Hezbollah non ha aperto un “fronte settentrionale”, riuscendo a farla franca con attacchi mirati contro l’IDF.

Fonti egiziane hanno riferito di un incidente violento che ha coinvolto una militare dell’IDF vicino al confine egiziano. Il 29 ottobre, l’esercito egiziano è stato autorizzato a usare la forza letale per proteggere il proprio confine.

Antonio Albanese e Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/