INDIA. Sono sul mercato i missili russi prodotti in India

123

Una joint venture tra India e Russia che ha sviluppato missili supersonici da crociera spera di ottenere ordini per 5 miliardi di dollari entro il 2025.

L’azienda, BrahMos Aerospace, è in trattative con Malesia, Vietnam e Indonesia per nuovi ordini, dopo aver concluso un primo contratto di esportazione di 375 milioni di dollari con le Filippine quest’anno, ha dichiarato il suo presidente Atul D Rane, riporta AF. Il BrahMos è una partnership al 50,5% indiana e al 49,5% russa che si inserisce nel programma di punta del primo Ministro Narendra Modi, Make-in-India.

L’India ha prodotto su licenza gli aerei da combattimento MiG e i jet Su-30 russi e i due Paesi hanno collaborato per produrre i missili BrahMos in India. La Russia è anche tradizionalmente il principale fornitore di armi dell’India. Nell’aprile dello scorso anno, il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha dichiarato che i due Paesi stavano discutendo della produzione “aggiuntiva” di attrezzature militari russe in India.

L’India, che non ha condannato esplicitamente l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, è anche emersa come il secondo più grande cliente petrolifero di Mosca dopo la Cina, in quanto i raffinatori indiani fanno incetta di petrolio russo a prezzi scontati, evitato da alcuni acquirenti occidentali: «Il primo Ministro Narendra Modi si è dato l’obiettivo di raggiungere 5 miliardi di dollari di esportazioni nel settore della difesa entro il 2025», prosegue AF. Il BrahMos stesso dovrebbe essere in grado di raggiungere l’obiettivo dei 5 miliardi di dollari entro il 2025.

Nel frattempo, i funzionari indiani hanno dichiarato che il Paese è riluttante ad aderire all’iniziativa guidata dagli Stati Uniti per limitare i prezzi del greggio russo, riporta LiveMint; l’India ottiene un forte sconto sul petrolio dalla Russia e vuole mantenere le relazioni con il suo partner strategico. Il piano di price cap – che mira a ridurre le entrate e la capacità della Russia di finanziare la guerra in Ucraina e a limitare l’impatto sui prezzi energetici globali – è stato discusso dai ministri delle finanze del G7 all’inizio di settembre.

Inizialmente, a fine giugno, sia la Cina che l’India si erano dette soddisfatte del piano. Ma l’avvertimento della Russia, che ha dichiarato che taglierà le forniture di petrolio a qualsiasi Paese che aderisca all’iniziativa, sembra aver eroso tale sostegno.

Con l’India che dipende dalle importazioni per l’85% del suo fabbisogno di petrolio e per oltre la metà del suo fabbisogno di gas naturale, gli alti prezzi dell’energia sono una grande preoccupazione per un Paese enorme come l’India.

Antonio Albanese