GERMANIA. Washington spinge per sincronizzare comandi europeo e africano

55

Gli Stati Uniti spingono la sincronizzazione dello spostamento di truppe tra i comandi di Europa e Africa in modo più efficiente durante una crisi e dovrebbe consentire una migliore sincronizzazione tra gli alleati europei della Nato e l’Africa.

Lo scorso novembre, il Pentagono ha fuso i comandi responsabili delle operazioni in Africa e in Europa in un unico nuovo comando combinato, guidato da un generale a quattro stelle. La sede del nuovo comando, Usareur-Af, si troverà a Wiesbaden, in Germania, dove prima si trovava il Comando Europeo degli Stati Uniti; le truppe che servivano nel Comando dell’Africa degli Stati Uniti a Vicenza, in Italia, hanno formato la Southern European Task Force-Africa, Setaf-Af.

Il consolidamento è un riconoscimento che la situazione della sicurezza tra i due continenti è «inestricabilmente legata», ha detto Christopher Cavoli, comandante dell’Us Army Europe and Africa, riporta Euractiv.

«Questo permetterà all’esercito degli Stati Uniti di espandere la sua attenzione e di migliorare il suo impegno per le questioni di sicurezza sia europee che africane», ha detto Cavoli, che in precedenza ha guidato l’US Army Europe da Wiesbaden.

«Questo consolidamento è un esempio di come ci stiamo posizionando per essere in grado di pensare a livello regionale, e in questo caso attraverso un intero emisfero, piuttosto che dividere artificialmente le serie di problemi dai nostri confini amministrativi (…) La stretta geografia e i legami economici tra i due continenti significano che i problemi di sicurezza regionale, lasciati senza controllo, si diffondono rapidamente da una zona all’altra», ha detto Cavoli.

«Questo consolidamento permette una maggiore sincronizzazione delle operazioni in Africa con i nostri alleati della Nato qui in Europa, molti dei quali hanno preoccupazioni e interessi di sicurezza molto importanti in Africa (…) Quindi questo è un progresso molto grande, sia a nord del Mediterraneo che a sud del Mediterraneo», ha poi aggiunto.

Cavoli ha sottolineato che il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti si coordinerà molto strettamente con i suoi partner in diversi paesi, anche in Mali, dove l’esercito statunitense sta fornendo sostegno all’operazione di pace guidata dalla Francia, l’operazione Barhkane.

La Francia ha ripetutamente espresso il rammarico di essere quasi sola ad impedire che il Sahel diventi una grande minaccia per la sicurezza mondiale: «Gli Stati Uniti sono molto desiderosi di vedere i nostri alleati europei guidare in questo modo», ha detto, ricordando che il coinvolgimento dei militari statunitensi in Africa consiste, da un lato, nel sostenere le forze anti-terrorismo e, dall’altro, nel costruire capacità con i paesi partner.

Il suo vice comandante, Andrew Rohling, ha indicato l’addestramento nella prevenzione degli attacchi con l’uso di esplosivi improvvisati condotto in tutta l’Africa, così come l’addestramento medico, logistico, e così via.

«La violenza in questa regione è aumentata precipitosamente. Gli attacchi terroristici nella regione trilaterale di Mali, Burkina Faso e Niger sono raddoppiati dal 2018 al 2019 (…) e le organizzazioni estremiste violente come Al Shabab e altre sono ancora una minaccia (…) Si tratta di nemici violenti e potenti che ha pianificato e realizzato numerosi attacchi contro cittadini africani, membri militari statunitensi, forze internazionali e civili come l’ambasciatore Attanasio», ha aggiunto Rohling, riferendosi alla recente tragedia avvenuta nella Repubblica Democratica del Congo, ha detto Rohling.

Antonio Albanese