Affidata alla Cina, la costruzione di Dushanbe 2

79

TAJIKISTAN – Dushanbe. 31/01/14.  Il governo tagiko ha offerto uno dei depositi nel quartiere Ayni ad una società cinese per la costruzione di Dushanbe – 2, centrale combinata di energia e calore (CHP).  A darne notizia, il Tajikistan news citando il Ministro dell’Energia e delle Risorse Idriche, Usmonali Usmonov.

 

«È praticamente impossibile attrarre fondi da istituzioni finanziarie internazionali per la costruzione della centrale di Dushanbe – 2 CHP, che opererà solo durante il periodo invernale», ha detto Usmonov . «Quando il progetto non è strutturato per il funzionamento per tutto l’anno, non può essere efficiente, e, quindi, nessuno vuole finanziare tali progetti». Pertanto, il Tagikistan ha dovuto ricorrere al metodo di risorse per finanziare la costruzione della centrale di cogenerazione Dushanbe – 2, ha detto il ministro. «La Cina Xinjiang Tebian apparecchi elettrici Stock Co. Ltd (TBEA) ha accettato di costruire l’ impianto in queste condizioni», ha detto Usmonov. «TBEA ha preso un prestito di 179 milioni di dollari dalla Export-Import Bank of China (China Exim Bank) a proprio rischio per la costruzione della centrale».

Lo scorso anno l’agenzia tagika anticorruzione ha accusato il magnate tagiko, Zayd Saidov di estorcere un 1,5 milioni di dollari tangente da Kazakh imprenditore Serikbol Okushev per la licenza per lo sviluppo di tale campo situato nel quartiere Ayni. La prima unità 50 MW dell’impianto di cogenerazione Dushanbe -2 è stato introdotto in funzione questo mese e la seconda unità si prevede che entrerà in funzione ad aprile.  L’ impianto è stato realizzato nell’ambito di un accordo trilaterale firmato tra il Ministero dell’Energia tagiko, il corrispettivo della cinese TBEA e degli apparecchi elettronici Dushanbe Mining Co Ltd e una capacità totale di questo impianto a carbone sarà di 200 megawatt tagiko. L’impianto a carbone è stato riferito, costruito nel rispetto delle normative ambientali del Tagikistan .

Il Tagikistan si basa quasi esclusivamente sulla produzione di energia idroelettrica, che diventa scarsa nei mesi invernali, quando i livelli di fiumi a causa del gelo sono bassi.