COREA DEL NORD. La Marina è pronta al combattimento

159

Le autorità militari nordcoreane hanno ordinato alle unità che pattugliano la Linea di demarcazione militare marittima, al largo delle coste orientali e occidentali del paese di tenersi pronte al combattimento.

L’ordine, riporta Daily NK, indica che la leadership nordcoreana si sta preparando a potenziali scontri tra le due Coree nel tentativo di recuperare il corpo di un pescatore sudcoreano recentemente colpito e ucciso dall’equipaggio di una nave pattuglia nordcoreana. L’ordine potrebbe anche essere un tentativo da parte della leadership di usare le tensioni esistenti causate dall’incidente come un modo per aumentare la “solidarietà” tra i membri dell’esercito.

Un ordine simile per aumentare la posizione di allerta dei militari è stato trasmesso alle unità di prima linea da Kim Yo Jong, la sorella del leader nordcoreano Kim Jong Un, all’incirca quando la Corea del Nord ha fatto saltare in aria l’ufficio di collegamento intercoreano il 16 giugno.

Secondo una fonte militare in Corea del Nord, il Dipartimento dello Stato Maggiore ha trasmesso al Comando navale l’ordine di adottare una postura di combattimento del massimo livello. Il Comando navale ha poi trasmesso l’ordine alla Prima Flottiglia navale della Flotta del Mare Orientale e all’Ottava Flottiglia navale della Flotta del Mare Occidentale. Le due unità sono entrate in allarme rosso quella stessa mattina.

Dopo aver ricevuto l’ordine, le due unità si sono mosse per aumentare di due volte il numero di imbarcazioni ad alta velocità e di pattuglie nelle loro “zone operative marittime”. La leadership delle due unità si è assicurata anche che i soldati sotto il loro comando capissero che dovevano «proteggere in modo affidabile le acque territoriali della madrepatria per evitare che si verificassero vergognosi scontri armati durante il periodo di eventi nazionali che circondava il 75° anniversario della fondazione del Partito il 10 ottobre», riporta Daily NK.

La Prima Flottiglia conduce pattugliamenti al largo di Gosong, nella provincia di Gangwon, mentre l’Ottava Flottiglia li conduce vicino alla penisola di Ongjin, nella provincia di Hwanghae Sud. L’ultimo ordine ha, in sostanza, messo in massima allerta le unità di pattuglia sia sul Mare Occidentale che sul Mare Orientale nelle rispettive aree operative.

L’ordine alle unità di adottare una postura di alto combattimento sembra collegato alla recente direttiva del leader nordcoreano Kim Jong Un al Dipartimento dello Stato Maggiore Generale per rafforzare la postura di allerta dei militari. L’ordine di Kim è arrivato appena un giorno dopo che, secondo quanto riferito, avrebbe trasmesso le sue scuse al governo della Corea del Sud per l’uccisione del pescatore.

La leadership nordcoreana ha sottolineato che la postura di combattimento sarà mantenuta fino al 15 ottobre.

Luigi Medici