NAGORNO-KARABAKH. La Russia ha le mani legate

201

Ripubblichiamo questa interessante analisi del conflitto azero-armeno del siriano Nors Center for Studies and Researches, focusing on Middle East, uscita su Twitter Telegram il 1 ottobre.

Sembra che la bilancia sia girata a favore dell’Azerbaigian nella regione del Karabakh. La comunità internazionale non può intervenire, poiché riconosce ancora che il Karabakh fa parte dell’Azerbaijan, e quindi il conflitto è ufficialmente considerato un conflitto interno.

L’Armenia può ricorrere alla Russia o ai paesi del Trattato di sicurezza collettiva (in realtà gli stessi della Russia), ma il trattato non può essere attivato nel caso in cui il conflitto tra Azerbaijan e Armenia riguardi la regione del Karabakh.

Legalmente, nessun paese può aiutare l’Armenia, e nemmeno la Russia può intervenire, perché non c’è una buona ragione per la Russia di non restare neutrale, e se la Russia si schierasse con l’Armenia, allora sicuramente perderà la sua influenza in Azerbaigian, e l’Azerbaigian avrà il diritto in quel momento di rifiutare il ruolo della Russia nel gruppo di Minsk, e così, il ruolo di garante della negoziazione verrà svolto da un altro paese, come l’America.

In quel momento, gli equilibri regionali saranno rotti, poiché la Russia sarà costretta a consentire a paesi terzi dell’area, come gli Usa, di entrare nella regione del Caucaso. Sarà in gioco anche il Trattato di sicurezza collettiva, soprattutto se la Russia non interverrà per proteggere l’Armenia, poiché i membri del trattato giungeranno a conclusioni sull’efficacia di questa unione e sulla necessità di parteciparvi.

Quindi, un eventuale intervento russo in Karabakh porterà al collasso del gruppo di Minsk e il mancato intervento provocherà una crisi nel Trattato di sicurezza collettiva.

Finora, non sappiamo se questa trappola sia stata pianificata contro la Russia, non lasciandole altra scelta che costringere l’Armenia ad ammorbidire la sua posizione sui negoziati e forse scambiare “terra con terra”, o fare pressioni sulla Turchia affinché a sua volta faccia pressione sull’Azerbaigian per fermare le operazioni militari, accusando la Turchia o l’Azerbaijan Prendendo di mira aree all’interno dell’Armenia (l’Azerbaigian in precedenza aveva negato immediatamente le accuse agli armeni, proprio come la Turchia negava di interferire per via aerea), o istituendo un’area di de-escalation con la Turchia, come a Idlib, per esempio (…) o forse mano libera dell’Iran in Karabakh

È interessante notare che la posizione della Turchia è debole contro l’Armenia, perché l’Europa, l’America, il Canada e la Russia stanno con l’Armenia, per molte ragioni, la più importante delle quali è che l’Armenia è cristiana, e poiché questi paesi hanno ufficialmente riconosciuto il genocidio armeno, qualsiasi intervento turco in Karabakh sarà descritto come una continuazione del genocidio, quindi si formerà un’enorme e ulteriore pressione sulla Turchia, soprattutto perché gli armeni sono organizzati nel mondo e hanno comunità e lobby forti e grandi.

Finora non c’è stata ostilità dichiarata tra Russia, Turchia e Iran, anche se c’è un chiaro conflitto di interessi, ma c’è un limite da non valicare che non conosciamo. Se la controversia lo raggiungesse, le ostilità diverranno pubbliche, soprattutto con la mancanza di opzioni russe.

In politica, il cosiddetto “spazio decisionale” gioca un ruolo importante: più possibilità ci sono dopo determinate politiche, più opzioni ci sono e viceversa, meno opzioni ci sono, più possibilità sono stipate in un unico vicolo cieco.

Redazione