LIBANO. C’è l’accordo con Israele per definire i confini marittimi e del gas

106

Il presidente del parlamento libanese ha detto il 2 ottobre che è stato concordato un quadro di riferimento per i colloqui con Israele per porre fine a una lunga disputa sui confini marittimi tra le due nazioni, ancora formalmente in guerra.

Secondo Ynet, Nabih Berri, che ha detto che l’esercito guiderà la squadra libanese, ha detto che i negoziati per una conferenza si terranno nel sud del Libano vicino al confine sotto l’egida delle Nazioni Unite e che gli Stati Uniti spingeranno per un accordo il più velocemente possibile.

Berri ha detto che l’accordo su un quadro di riferimento era in vigore prima che gli Stati Uniti imponessero sanzioni ai politici libanesi, compreso il vice di Berri. Ha anche detto di aver chiesto al presidente francese Emmanuel Macron di fare pressione sulla Total per non ritardare l’esplorazione per il gas nell’area offshore che corre lungo la contesa regione di confine marittimo.

Berri ha annunciato l’iniziativa dei colloqui sul confine marittimo dopo che le sanzioni statunitensi sono state imposte al suo braccio destro per corruzione e per aver agevolato finanziariamente Hezbollah, partito, sostenuto dall’Iran, la cui ala militare pesantemente armata, è considerata da Washington un’organizzazione terroristica. Il ministro dell’Energia israeliano Yuval Steinitz ha poi confermato la dichiarazione secondo cui i due Paesi terranno colloqui mediati dagli Stati Uniti sul loro confine marittimo comune.

«Il nostro obiettivo è quello di porre fine alla disputa sulla demarcazione delle acque economiche tra Israele e Libano per aiutare a sviluppare le risorse naturali a beneficio di tutti i popoli della regione», ha detto Steinitz. «Per la prima volta in 30 anni, i negoziati civili-politici tra Israele e Libano si svolgeranno dopo due anni di contatti indiretti». In una dichiarazione, Steinitz ha detto che i colloqui sono previsti dopo la festa ebraica di Sukkot, che si concluderà il 9 ottobre.

Lucia Giannini