POLONIA. L’Euroscettico PiS chiede aiuto alla BCE contro Tusk

95

Il Narodowy Bank Polski (Nbp, cioè Banca Nazionale Polacca) ha fatto appello alla BCE per bloccare il percepito “attacco politico” del nuovo governo polacco alla sua indipendenza. La Bce ha risposto che impedire al governatore della Nbp di svolgere le sue funzioni potrebbe compromettere l’indipendenza della banca.

Il futuro nuovo governo di Donald Tusk già afferma che la Nbp ha violato la Costituzione polacca acquistando titoli di stato, poiché esiste un divieto costituzionale al finanziamento del governo da parte della Nbp, facilitando così anche l’elevato tasso d’inflazione polacco. La banca centrale è stata criticata anche per la sua decisione shock di tagliare i tassi di interesse poco prima delle elezioni generali di ottobre, quando la maggior parte degli analisti sosteneva che avrebbe dovuto mantenere una politica monetaria restrittiva con un’inflazione al 10%, riporta BneIntelliNews.

Adam Glapinski, l’attuale governatore, è una figura di spicco del PiS, oggi al governo ma che molto probabilmente non sarà in grado di ottenere la maggioranza in parlamento.

La nuova coalizione ha promesso di chiedere conto al governo uscente del PiS e ai suoi alleati dei presunti illeciti commessi durante gli otto anni al potere del partito dal 2015. Ma poiché la nuova maggioranza non ha abbastanza seggi in parlamento per processare il presidente Andrzej Duda o il primo ministro uscente Mateusz Morawiecki, potrebbe invece colpire Glapinski, ha lasciato intendere Tusk. Glapinski è stato nominato l’anno scorso per un secondo mandato di sei anni.

Per processare Glapinski davanti al Tribunale di Stato nominato dal parlamento, basterebbe una maggioranza semplice del 50% più uno. La nuova coalizione dispone di 248 seggi nella Camera bassa da 460 seggi.

Far comparire Glapinski davanti al Tribunale di Stato comporterebbe la sua sospensione dalle sue funzioni presso la Nbp e nel Consiglio generale, organo di controllo della Banca centrale europea.

Glapinski nel frattempo cerca sostegno all’estero prima di qualsiasi decisione; Bce in primis. «Qualsiasi misura che influenzi la tua capacità di svolgere le tue funzioni di governatore della Nbp può, se non è legittima, compromettere la tua indipendenza e, per estensione, l’indipendenza del Consiglio generale», ha detto Christine Lagarde in una lettera a Glapinski, che il Il governatore della Nbp ha reso pubblica.

Lagarde ha anche affermato che qualsiasi decisione del parlamento polacco che porti alla sospensione di Glapinski dalle sue funzioni presso la Nbp, e anche presso il Consiglio Generale, l’organo di vigilanza della Bce, potrebbe essere deferita alla Corte di Giustizia dell’Unione Europea per “chiedere per la valutazione della sua liceità”, ha scritto Lagarde.

Glapinski, come tutto il PiS, è un euroscettico: si oppone all’adozione dell’euro in Polonia, ha spesso criticato la Bce, per lui banca dell’Eurozona che usurpa troppo potere sui singoli stati membri dell’Ue.

Anna Lotti

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/