MAR CINESE MERIDIONALE. Navi USA vicino alle Paracel, Pechino manda la sue a controllare

113

Un cacciatorpediniere statunitense ha navigato il 13 luglio vicino alle isole Paracel nel Mar Cinese Meridionale, suscitando la reazione di Pechino, i cui militari hanno “allontanato” la nave dopo che era entrata illegalmente nelle acque territoriali, afferma Pechino.

Gli Stati Uniti effettuano regolarmente quelle che chiamano operazioni di libertà di navigazione nel Mar Cinese Meridionale, sfidando quelle che, a loro dire, sono restrizioni al passaggio innocente imposte dalla Cina e da altri pretendenti. L’11 luglio si è celebrato il sesto anniversario della sentenza del tribunale internazionale dell’Aia che ha invalidato le ampie rivendicazioni della Cina sul Mar Cinese Meridionale. La Cina non ha mai accettato la sentenza.

La Cina rivendica quasi tutto il Mar Cinese Meridionale. Vietnam, Filippine, Malesia, Taiwan e Brunei hanno rivendicazioni concorrenti e spesso sovrapposte. La Cina ha costruito isole artificiali su alcune delle sue proprietà nel Mar Cinese Meridionale, compresi aeroporti, sollevando preoccupazioni regionali sulle intenzioni di Pechino.

La Marina statunitense ha dichiarato che il cacciatorpediniere Uss Benfold «ha rivendicato i diritti e le libertà di navigazione nel Mar Cinese Meridionale vicino alle Isole Paracel, in conformità con il diritto internazionale». La Cina afferma di non ostacolare la libertà di navigazione o di sorvolo, accusando gli Stati Uniti di provocare deliberatamente tensioni, riporta Reuters.

Il Comando del Teatro Sud dell’Esercito Popolare di Liberazione ha dichiarato che le azioni della nave statunitense hanno violato gravemente la sovranità e la sicurezza della Cina, entrando illegalmente nelle acque territoriali cinesi intorno alle Paracel, rivendicate anche da Vietnam e Taiwan.

«Il Comando del Teatro Meridionale del PLA ha organizzato le forze marittime e aeree per seguire, monitorare, avvertire e allontanare la nave», ha aggiunto, mostrando le immagini della Benfold scattate dal ponte della fregata cinese Xianning; «I fatti dimostrano ancora una volta che gli Stati Uniti non sono altro che un “creatore di rischi per la sicurezza nel Mar Cinese Meridionale” e un “distruttore della pace e della stabilità regionale”».

La Marina statunitense ha dichiarato che la dichiarazione cinese sulla missione è “falsa” e l’ultima di una lunga serie di azioni cinesi per «travisare le legittime operazioni marittime degli Stati Uniti e affermare le sue eccessive e illegittime rivendicazioni marittime a spese dei suoi vicini del sud-est asiatico nel Mar Cinese Meridionale».

Gli Stati Uniti difendono il diritto di ogni Paese di volare, navigare e operare ovunque il diritto internazionale lo consenta, e nulla di ciò che la Cina «dirà ci scoraggerà», ha aggiunto.

La Cina ha preso il controllo delle isole Paracel dall’allora governo del Vietnam del Sud nel 1974.

In un comunicato separato, lo stesso 13 luglio, la Marina statunitense ha dichiarato che anche il Ronald Reagan Carrier Strike Group stava operando nel Mar Cinese Meridionale, descrivendo tali operazioni come “di routine”. Il gruppo di portaerei sta conducendo operazioni di sicurezza marittima, che includono operazioni di volo, esercitazioni di attacco marittimo e addestramento tattico coordinato tra unità di superficie e aeree, ha aggiunto la Us Navy.

Antonio Albanese