CINA. Il dilemma di Xi Jinping: come allentare Zero Covid senza perdere la faccia

107

Durante una recente riunione della Commissione nazionale per la salute, Sun Chunlan, vice premier cinese e responsabile del contrasto al Covid-19, ha detto: «Con l’indebolimento della patogenicità dell’omicron, la popolarità della vaccinazione e l’accumulo di esperienza nella prevenzione e nel controllo, la Cina si trova di fronte a una nuova situazione e a nuovi compiti».

Non si è trattato esattamente di una revoca della politica zero-Covid, ma quasi. A seguito delle proteste in tutto il Paese, nei campus universitari e nelle strade cittadine, e da parte di uno dei principali artefici delle drastiche limitazioni al Covid-19 che hanno alimentato tale rabbia, la dichiarazione di Sun ha segnalato che probabilmente è in corso un aggiustamento, riporta Nikkei.

Di certo, le sue osservazioni sono state rapidamente seguite da notizie secondo cui le autorità locali avrebbero ridotto i test di massa e permesso ad almeno alcune persone infette di isolarsi a casa, piuttosto che trasportarle in ospedali improvvisati. Comuni importanti come Guangzhou, Chongqing e persino Pechino hanno revocato alcune restrizioni alla fine della scorsa settimana; si è trattato di un alleggerimento che, insieme a una forte presenza della polizia, ha mantenuto le strade più tranquille durante lo scorso fine settimana. E l’economia ha rialzato la testa.

Allo stesso tempo, però, i fattori fondamentali che hanno costretto la Cina a mantenere lo zero-Covid per così tanto tempo non sono cambiati. In primo luogo, dal punto di vista del governo, la politica è strettamente identificata con il presidente Xi Jinping, il che rende imbarazzante un cambiamento affrettato.

Ci sono anche preoccupazioni su quanto la popolazione cinese sia protetta dalle vaccinazioni, soprattutto gli anziani. Accanto alla frustrazione diffusa per le restrizioni, c’è ancora una paura palpabile del virus stesso, alimentata dalla messaggistica ufficiale volta a giustificare la politica zero-Covid.

Ora il governo deve rimodellare la percezione della minaccia del virus e allontanarsi gradualmente dal concetto di zero-Covid, salvaguardando al contempo la salute pubblica e tenendo sotto controllo altre proteste. Se non altro, le manifestazioni di fine novembre hanno sottolineato che lo status quo non è sostenibile.

I dati Nomura mostrano che, a fine novembre, le chiusure di varia entità riguardavano circa 512 milioni di persone in 68 città cinesi, che rappresentano quasi la metà del prodotto interno lordo del Paese. A novembre, prima delle manifestazioni, Pechino ha modificato il suo programma Covid, affermando che avrebbe reso i test più mirati e ridotto quelli che sono stati descritti come “disagi” per i residenti. I mercati si sono impennati in seguito a questa notizia e hanno ripreso a salire alla fine di novembre dopo i commenti di Sun e l’allentamento delle mosse delle città nonostante l’aumento dei casi. L’indice Nasdaq Golden Dragon, che tiene traccia dei titoli cinesi quotati negli Stati Uniti, ha registrato la migliore performance di sempre, chiudendo il mese con un aumento del 42%. Ma i media statali hanno anche ribadito i benefici della politica zero-Covid, attribuendo il successo della politica a Xi, il “comandante in capo della guerra del popolo” contro il virus.

Assisteremo in Cina ad un’apertura selettiva, per vedere cosa succede; ci sarà “un compromesso selettivo”, con l’arresto e la repressione dei manifestanti e l’allentamento delle restrizioni in alcune parti del Paese, per uscire gradualmente dalla vaccinazione zero. Uno dei motivi per cui le autorità sono in ansia è il ritardo della Cina nel tasso di vaccinazione, soprattutto per gli anziani più vulnerabili.

Mentre oltre il 90% degli 1,4 miliardi di persone del Paese è doppiamente vaccinato, solo il 40% circa degli ultraottantenni ha ricevuto il richiamo. Le stime sul numero di persone che potrebbero morire in caso di riapertura completa variano da 1,3 a 2 milioni.

Durante il primo briefing con i media da parte del Meccanismo congiunto di prevenzione e controllo del Consiglio di Stato dopo le proteste del fine settimana, le autorità hanno dichiarato che si impegneranno ad aumentare le percentuali per gli anziani non vaccinati.

Gli esperti di salute pubblica e gli osservatori della Cina sono concordi nell’affermare che non c’è ancora una via d’uscita facile. Con l’avvicinarsi dell’inverno, in mezzo a un coro di allarmi sulle infezioni che colpiscono la popolazione non vaccinata, permane una diffusa perplessità da parte dell’opinione pubblica.

Le onnipresenti cabine per i test Pcr possono essere gradualmente smantellate, e alcune a Pechino sono state portate via nei giorni scorsi, ma per entrare in alcuni negozi e altri luoghi di ritrovo è ancora necessario dimostrare di aver effettuato i test.

Antonio Albanese

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/