STATO ISLAMICO. Daesh ha un nuovo Califfo e nuovi affiliati on line

167

A partire dal 30 di novembre sulla social sfera afferente allo Stato Islamico è cominciato il tam tam di promozione di un imminente video della casa di produzione ufficiale dei discorsi audio Al-Furqan Media. L’Audio è poi stato postato dalla social sfera Daesh il 1° di dicembre e conteneva un discorso del portavoce ufficiale dello Stato Islamico Abu Omar al-Muhajir, che appunto annuncia la morte del Califfo di DAESH Abu al-Hasan al-Hashimi al-Quraishi e annuncia la nomina a nuovo Califfo di Abu al-Hussein al-Husseini al-Quraishi.

Secondo i dati ufficiali il Califfo, è stato ucciso intorno al 10 ottobre per mano di un attacco aereo statunitense a Daraa, in Siria dove era in corso per altro uno scontro tra Daesh e gruppi vicino ad al Qaeda e alla Turchia.

Tra i proclami di al-Mujahir la richiesta a tutti i combattenti di prestare giuramento di fedeltà al nuovo Califfo, la bai’ah, azione senza la quale non avviene la validazione del nuovo Califfo o che porterebbe in caso di diniego ad una scissione interna. Sono attesi, in base all’analisi del TEAM di AGC COMMUNICATION circa 15 giuramenti da parte di combattenti da tutto il mondo.

Immediata on line la risposta degli aderenti al movimento terroristico DAESH. 9 wilayat, ovvero province secondo la definizione di Daesh, hanno già prestato giuramento inviando foto o video del loro giuramento do fedeltà. Di maggiore interesse sono le bai’ah provenienti dall’Africa. Continente dove gli aderenti combattenti di ISIS cominciano. Essere numericamente importanti. L’Africa Occidentale (ISWAP), per esempio, è suddivisa in sei diverse aree: Sambisa (Borno); al-Buhaira (area dei laghi dello stato del Borno confinante con il Ciad.); al-Faruq; Banki (Stato del Borno confinante con il Camerun); Kirinawa; Wajiroko (Borno); Nigeria Centrale.

Il primo dicembre ha giurato l’area di Sambisa; il due dicembre hanno giurato le aree di al-Buhaira, al-Faruq e Banki; il tre dicembre l’area di Kirinawa; il quattro dicembre l’area di Wajiroko e il cinque dicembre l’area della Nigeria Centrale. Rispetto alle ultime bai’ah fatte per la proclamazione del precedente Califfo si può subito notare che si sono aggiunte le aree di Wajiroko e della Nigeria Centrale.

L’aggiunta di queste suddivisioni interne alla wilayat dell’Africa occidentale mostra il rafforzamento dello Stato Islamico sul territorio, tanto per quanto riguarda l’aumento del numero di membri, quanto per una maggiore capacità di amministrazione del territorio. Inoltre, da una comparazione dei report fotografici, risulta evidente che, rispetto al giuramento al precedente Califfo, l’area di Banki abbia raggiunto livelli simili, per quanto riguarda numero di miliziani e equipaggiamento militare, alle altre aree (nelle bai’ah precendenti l’area di Banki presentava miliziani con equipaggiamento e armamento più scadente, con combattenti giovani e senza abbigliamento consono alla battaglia). L’area di Kirinawa, e delle due nuove aree di Wajiroko e della Nigeria Centrale, risultano a livelli simili per quanto riguarda il numero di miliziani presenti; tuttavia, dimostrano una capacità militare inferiore. Infatti, ciò che colpisce delle aree di Sambisa, al-Buahria, al-Faruq e di Banki è la presenza di numerosi veicoli militari, inclusi mezzi corazzati. In generale, dai report fotografici risulta evidente che, rispetto al precedente giuramento, la wilayat dell’Africa Occidentale abbia accresciuto le proprie dimensioni e capacità militari, inoltre l’introduzione di due nuove suddivisioni interne suggerisce che sia aumentata anche la capacità amministrativa dello Stato Islamico nel territorio nigeriano.

Ma l’aspetto più rilevante viene proprio dalla social sfera. Mai come in questi nuovi giuramenti si è assistito ad un giuramento di singole persone, o per meglio dire di profili on line. Sono nati canali social proprio per testimoniare la “fede a Daesh” profili che se intercettati e corrispondenti a persone reali potrebbero nel tempo diventare i lupi solitari di domani, pronti ad intervenire in maniera sparsa nel mondo.

Pietro Zucchelli

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here
Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/