AUTOMOTIVE. I prezzi del litio cinese crolleranno nel 2024

106

I prezzi del litio in Cina sono destinati a crollare nel 2024 con i minatori globali pronti ad aumentare le forniture. Secondo gli analisti, i prezzi del carbonato di litio in Cina potrebbero scendere di oltre il 30% rispetto al livello attuale l’anno prossimo. I prezzi della sostanza chimica sono già crollati di quasi l’80% quest’anno, con l’offerta dei principali produttori che ha superato l’aumento della domanda da parte degli utilizzatori di batterie.

Il rallentamento della domanda di batterie deriva, in parte, dalla riduzione dei sussidi per i veicoli elettrici da parte di Pechino a partire da gennaio 2024, riporta AF.

Anche l’incertezza sulle prospettive economiche globali e la possibilità di continui aumenti dei tassi di interesse da parte delle banche centrali globali hanno alimentato un rallentamento della domanda di veicoli elettrici.

Il contratto sul litio più scambiato di gennaio sul Guangzhou Futures Exchange ha toccato un nuovo minimo di 106.200 yuan per tonnellata giovedì scorso, meno della metà del suo prezzo di quotazione quando le negoziazioni sono iniziate a luglio.

I prezzi al di fuori della Cina tendono a seguire una tendenza simile. Sempre giovedì i prezzi di riferimento del carbonato di litio in Cina, Giappone e Corea del Sud sono stati di 18,50 dollari al kg, in calo del 77% rispetto al picco di 81 dollari al kg nel novembre 2022.

Il crollo dei prezzi colpirà i produttori di litio ad alto costo, ma offrirà un certo sostegno al settore dei veicoli elettrici in rallentamento. La Cina produce circa il 70% delle batterie mondiali e oltre la metà dei suoi veicoli elettrici.

La scorsa settimana il prezzo spot del carbonato di litio ha toccato il minimo di oltre due anni, pari a 115.500 yuan per tonnellata. È probabile che scenda fino a 80.000 yuan l’anno prossimo poiché l’offerta globale continua ad aumentare.

Ottantamila yuan a tonnellata nel 2024, con una media di circa 100.000 yuan equivale ai costi di produzione nello Jiangxi, la più grande regione di produzione della sostanza in Cina. La provincia normalmente rappresenta un terzo della produzione cinese di litio.

Per la produzione, i produttori dello Jiangxi utilizzano principalmente la lepidolite estratta localmente, un minerale di litio di roccia dura. I costi per chi possiede attività minerarie nella provincia vanno da 80.000 a 120.000 yuan.

Per i produttori che dipendono dalla fornitura esterna di minerale, i costi possono salire fino a 200.000 yuan per tonnellata, dicono gli analisti. Alcuni importanti produttori dello Jiangxi hanno già ridotto la produzione da settembre, ma i produttori altrove, come i laghi della provincia nordoccidentale del Qinghai, con costi stimati a circa 50.000 yuan per tonnellata, sono ancora in espansione.

Nel frattempo, la fornitura globale di litio aumenterà del 40% nel 2024, secondo le previsioni di UBS della scorsa settimana, raggiungendo oltre 1,4 milioni di tonnellate di carbonato di litio equivalente.

La produzione nei principali produttori, Australia e America Latina, aumenterà rispettivamente del 22% e del 29%, mentre quella in Africa dovrebbe raddoppiare, trainata da progetti in Zimbabwe, ha affermato la banca. Anche la produzione di litio in Cina aumenterà del 40% nei prossimi due anni, ha affermato UBS, trainata da un importante progetto CATL nella provincia meridionale dello Jiangxi.

L’aumento dell’offerta si tradurrà in un surplus globale di litio del 12%, rispetto al 4% di quest’anno; tale impennata coinciderà con un tasso di crescita più lento per il settore dello stoccaggio dell’energia.

Si prevede che le vendite nazionali di auto elettriche cresceranno del 25% a 9,44 milioni di unità l’anno prossimo, rallentando rispetto alla crescita annuale del 31% e dell’89% rispettivamente nel 2023 e nel 2022.

Maddalena Ingrao

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/