ARMENIA. Più truppe russe al confine con l’Azerbaijan

223

La Russia ha iniziato i preparativi per schierare le sue truppe in un’altra provincia armena al confine con l’Azerbaigian: «Alcuni di loro sono già nella provincia di Gegharkunik. Saranno dispiegati lungo il confine qualche tempo dopo», ha detto il governatore provinciale, Gnel Sanosyan, ripreso da Asbarez.

Il dispiegamento inizierà nei prossimi giorni, ha detto Sanosyan. Gegharkunik confina con il distretto di Kelbajar a ovest del Nagorno-Karabakh, che è stato riconquistato dall’Azerbaigian dopo la guerra nell’autunno scorso.

Le truppe azere hanno attraversato diversi tratti del confine armeno-azero e sono avanzate di qualche chilometro a Gegharkunik e in un’altra provincia, Syunik, il 12-14 maggio, innescando uno stallo militare con le forze armene; Yerevan ha ripetutamente chiesto il loro ritiro.

Il generale Artak Davtyan, il capo dello stato maggiore dell’esercito armeno, ha annunciato l’imminente schieramento delle guardie di frontiera russe a Gegharkunik alla fine del mese scorso. Davtian ha detto che Mosca e Yerevan erano vicine a raggiungere un accordo in merito.

Secondo il governatore Sanosyan, il dispiegamento sarà seguito dal ritiro delle truppe armene e azere dai tratti di confine contestati e dall’inizio dei colloqui mediati dalla Russia sulla demarcazione della lunga frontiera. La Russia ha già inviato soldati e guardie di frontiera in altre parti del Syunik dopo la guerra armeno-azerbaigiana fermata da un cessate il fuoco mediato dalla Russia a novembre 2020.

L’ambasciatore russo a Yerevan, Sergei Kopyrkin, ha confermato il 7 luglio che Mosca e Yerevan stanno discutendo le modalità pratiche di ulteriori schieramenti di truppe russe in Armenia: «Come sapete, i posti di guardia di frontiera russi sono stati dispiegati in varie sezioni del confine tra Armenia e Azerbaigian (…) Stanno aiutando a mantenere la situazione al confine calma e stabile in modo che la popolazione locale si senta più sicura e più a suo agio in queste circostanze insolite (…) Sono in corso discussioni su come tale presenza possa essere ampliata» ha detto Kopyrkin dopo aver inaugurato un centro culturale russo nella città armena di Armavir.

Lucia Giannini