Argentina: economia condizionata dall’import di energia

64

ARGENTINA – Buenos Aires. 05/08/13. Se il governo argentino non riesce a stabilizzare il suo equilibrio energetico, che è uno dei principali consumatori di dollari USA, il divieto di acquisti in valuta forte, le barriere alle importazioni e gli ostacoli crescenti per spendere i soldi all’estero per i viaggiatori argentini, continueranno e potrebbero peggiorare, secondo gli analisti Buenos Aires.

Il governo del presidente Cristina Fernandez sta disperatamente cercando di contenere l’erosione delle riserve internazionali della banca centrale. Nell’ottobre del 2011 il governo ha vietato l’acquisto e l’accaparramento di dollari. Tre mesi dopo ha imposto ulteriori ostacoli alle importazioni. Come se non bastasse «Il calo del surplus commerciale dell’economia argentina nel primo semestre dell’anno è quasi uguale all’aumento delle importazioni di energia» ha detto l’economista Rodrigo Alvarez da Analytica a MercoPress.

Nella prima metà del 2013 le importazioni di gas naturale, gas liquido, olio combustibile, gasolio sono saliti del 22,6%, mentre le esportazioni sono diminuite del 19% rispetto all’anno precedente. Ciò significava che l’impatto del deficit energetico saltato da 1.67bn di dollari in sei mesi del 2012 a 3.25 bn quest’anno.

L’impatto negativo della bolletta energetica, nonostante forti limitazioni sulle importazioni e un aumento di cereali e delle esportazioni di semi oleosi, non hanno potuto impedire che il surplus commerciale del primo semestre dell’anno sia inferiore al 25% rispetto allo stesso periodo di un anno fa. L’1,7 miliardi mancanti dal surplus commerciale è seguito con attenzione dagli analisti perché l’Argentina non ha accesso ai mercati monetari globali e quindi deve appellarsi al surplus commerciale di dollari. Secondo l’Istituto argentino dalle importazioni di energia fiscali, da una prima analisi si vede che la domanda di energia di quest’anno è di 13.28bn che equivale al 46% di tutte le esportazioni agricole. Ciò a fronte di 6% nel 2003 e 21% nel 2010. Questo deficit energetico non incide solo sulla bilancia commerciale ma ha un forte impatto sulle bollette degli utenti. Il governo di anno in anno per non far esplodere le bollette ha innalzato le sovvenzioni ma non potrà farlo in eterno. Nel primo semestre di quest’anno le sovvenzioni sono salite a 35,9 miliardi di pesos pari a 6,9 miliardi di dollari, che è il 62,2% in più rispetto allo stesso periodo del 2012, sottolinea l’Associazione amministrativa argentina di bilanci e finanza pubblica. Nonostante questo sforzo economico il deficit fiscale sta arrivando al 3% del PIL, ed è finanziato con la stampa denaro per la somma pari al 30% annuo di fabbisogno, che mette ulteriore pressione su inflazione e tasso di cambio della “moneta blu” i dollari acquistabili con carta di credito apposita.

Costretta dal deficit energetico, cadendo il surplus commerciale e inallazata la spesa fiscale, Cristina Fernandez lo scorso 11 luglio ha firmato un decreto controverso con benefici eccezionali per le compagnie petrolifere, come il diritto di esportare il 20% della produzione senza spese, (in cinque anni) più altri vantaggi economici per tutti coloro che investono più di un miliardo di dollari.

L’opposizione ha definito l’accordo un abito ‘su misura’ per la compagnia petrolifera statunitense Chevron, che ha firmato il 16 luglio un accordo con YPF del governo per sviluppare in Vaca Muerta i depositi di argillite con la promessa di investire 1.24bn di dollari. Progetto molto criticato perché va a inquinare le falde acquifere in profondità. I risultati di tale accordo saranno tangibili solo nel medio termine. Nel frattempo il deficit energetico minaccia di continuare a colpire il sistema economico elaborato dai Kirchner. In effetti è una delle ragioni principali per cui Argentina da una condizione di surplus ‘gemello’ (fiscale e commerciale) e un aumento sostenuto delle riserve internazionali, si è conclusa con un deficit di bilancio in crescita, una perdita di 6,3 miliardi di dollari di riserve internazionali, in primis le restrizioni alle importazioni che hanno fatto infuriare i partner del Mercosur. «Lo scenario attuale costringe il governo argentino a decidere se prendersi cura di riserve internazionali» o favorire la crescita dell’economia dice sempre l’analista a MercoPress. Ma quali che siano le misure attuate o da attuare, la politica energetica attuale implementata dall’Argentina da quanto i Kirchner sono entrati in carica nel 2003, ha avuto un pesante fardello per il paese. L’ex segretario all’Energia Daniel Montamat stima che il calo delle riserve energetiche argentino (a causa del consumo e non ricostituire incentivi) è equivalente in termini monetari a più di 180 miliardi di dollari.