NUOVA VIA DELLA SETA. Il progetto di Pechino scricchiola

150

Molti progetti della Belt and Road Initiative iniziano a mostrare il loro vero volto. L’ultimo in ordine di tempo riguarda l’Indonesia. Kereta Cepat Indonesia China, che è di proprietà cinese al 40%, a dicembre 2022 ha proposto di aggiungere altri 30 anni alla sua concessione di 50 anni di una ferrovia ad alta velocità sotto costruzione a Giava.

Se il governo indonesiano non può rifiutare la proposta, la ferrovia sarebbe sotto l’influenza della Cina fino all’inizio del 22° secolo.

Nel 2015, il presidente indonesiano Joko Widodo ha scelto la Cina anziché il Giappone per costruire la ferrovia perché la data di completamento era stata fissata già nel 2018, con i treni che avrebbero iniziato a circolare un anno dopo. Ma la costruzione rimane in corso.

Il ritardo ha aumentato i costi totali di costruzione di circa il 40%, costringendo il governo indonesiano a pescare casse statali per 7 trilioni di rupie, cioè 468 milioni di dollari, riporta Nikkei.

Ora si possono sentire lamentele sulla decisione di andare con la Cina sul Giappone da parte di membri del governo.

È passato un decennio da quando il presidente cinese Xi Jinping ha annunciato la Belt and Road Initiative, un’enorme serie di infrastrutture per facilitare la penetrazione di prodotti e influenza cinesi in tutto il mondo. Da allora, più di 150 paesi, affamati di fondi e infrastrutture, hanno concluso accordi con la Cina.

Ma ora stanno crescendo le frizioni tra molti di questi paesi e Pechino.

Nel 2020 e nel 2021, molte parti hanno iniziato a rinegoziare i termini del prestito di 40 accordi Belt and Road. Questo numero rappresenta un aumento del 70% rispetto ai due anni precedenti, secondo una stima dello statunitense Rhodium Group.

Un altro studio, condotto da ricercatori della Banca mondiale, della Harvard Kennedy School, di AidData e del Kiel Institute for the World Economy, ha rilevato che la Cina ha speso 240 miliardi di dollari per salvare 22 paesi tra il 2008 e il 2021, ha rivelato il rapporto dei ricercatori a marzo. L’importo è aumentato vertiginosamente negli ultimi anni poiché sempre più beneficiari lottano per rimborsare i loro prestiti Belt and Road, afferma il rapporto.

Si prevede che l’attrito tra la Cina e i suoi potenziali beneficiari aumenterà man mano che altri progetti falliranno.

Le preoccupazioni di Jakarta su una possibile concessione di 80 anni non sono infondate. Per trovare un precedente, basta guardare oltre l’Oceano Indiano, fino allo Sri Lanka.

Lì, il porto di Hambantota nel 2017 è stato affittato alla Cina per 99 anni dopo che il governo dello Sri Lanka ha iniziato ad avere difficoltà a rimborsare i prestiti per la costruzione. L’episodio è considerato un classico caso di “trappola del debito”, quando una nazione creditrice concede una quantità eccessiva di prestiti, quindi estorce concessioni economiche o politiche quando il paese debitore diventa incapace di far fronte ai propri obblighi di rimborso. In questo caso, la Cina ha ricevuto l’uso di un porto geostrategicamente importante.

Con quel precedente e condizioni economiche sfavorevoli prevalenti in tutto il mondo, un numero crescente di paesi è ora diffidente nel lanciare nuovi progetti con la Cina. In effetti, gli ambiziosi progetti infrastrutturali di Pechino hanno subito un rallentamento negli ultimi anni.

Anche la forza centripeta esercitata dagli Stati Uniti sta mostrando segni di declino.

I leader della Comunità degli Stati latinoamericani e caraibici, Celac, composta da Brasile, Messico e altri 31 paesi, hanno tenuto un vertice a gennaio. Gli Stati Uniti non sono membri della Celac, anche se hanno a lungo considerato l’America Latina come il loro “cortile”. Un semplice riferimento all’impegno degli Stati membri per soluzioni ai problemi intraregionali, come menzionato in una dichiarazione congiunta adottata al vertice, connota l’esclusione degli Stati Uniti.

La regione ha anche l’Organizzazione degli Stati americani, Oas, guidata dagli Stati Uniti, che negli ultimi tempi non vive tempi facili, come esemplificato dai leader di Messico e Venezuela che si rifiutano di partecipare ai vertici.

Per quanto riguarda la posizione della Cina nella comunità internazionale, la britannica YouGov ha scoperto inuma suo sondaggi che nel 2022, solo il 35% degli intervistati ha affermato di avere una buona immagine della Cina, in calo rispetto al 49% del 2019.

Sebbene gli Stati Uniti siano stati visti positivamente da una media del 55% degli intervistati, hanno ottenuto un punteggio inferiore alla Cina in Tailandia, Grecia, Turchia e Arabia Saudita.

Maddalena Ingrao

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/