ARABIA SAUDITA. Haj proibito per i pellegrini non sauditi causa COVID 19

77

L’Arabia Saudita sta considerando di escludere i pellegrini d’oltremare dall’haj per il secondo anno consecutivo, mentre i casi di COVID-19 aumentano a livello globale e crescono le preoccupazioni per l’emergere di nuove varianti, hanno detto mercoledì due fonti che hanno familiarità con la questione.

Una tale mossa limiterebbe il pellegrinaggio alla Mecca, un dovere che capita una volta nella vita per ogni musulmano abile che può permetterselo, ai cittadini sauditi e ai residenti del regno che sono stati vaccinati o sono guariti dal Covid-19 mesi prima di partecipare. Mentre le discussioni su un possibile divieto hanno avuto luogo, non c’è stata alcuna decisione finale se perseguirlo, riporta Reuters.

Prima che la pandemia forzasse la distanza sociale a livello globale, circa 2,5 milioni di pellegrini visitavano i siti più sacri dell’Islam alla Mecca e a Medina per il pellegrinaggio haj, che dura una settimana, e il pellegrinaggio umrah, che dura tutto l’anno, che complessivamente faceva guadagnare al regno circa 12 miliardi di dollari l’anno, secondo i dati ufficiali.

Come parte dei piani di riforma economica perseguiti dal principe ereditario Mohammed bin Salman, il regno sperava di aumentare il numero di pellegrini umrah e haj rispettivamente a 15 milioni e 5 milioni entro il 2020, e mirava a raddoppiare ancora il numero di umrah a 30 milioni entro il 2030. Mira a guadagnare 50 miliardi di riyal (13,32 miliardi di dollari) di entrate dal solo haj entro il 2030.

Le autorità hanno sospeso i piani precedenti per ospitare i pellegrini dall’estero, e permetteranno solo i pellegrini sauditi che sono stati vaccinati o hanno recuperato dal COVID-19 almeno sei mesi prima del pellegrinaggio. Saranno applicate restrizioni anche sull’età dei partecipanti, ha detto una delle fonti.

I piani iniziali volevano permettere un certo numero di pellegrini vaccinati dall’estero, ma la confusione sui tipi di vaccini, la loro efficacia e l’emergere di nuove varianti ha spinto i funzionari a ripensarci.

L’Arabia Saudita, che basa la sua reputazione sulla tutela dei siti più sacri dell’Islam alla Mecca e a Medina, ha vietato agli stranieri l’haj l’anno scorso a causa della pandemia per la prima volta nella storia moderna del regno, consentendolo solo a un numero limitato di cittadini e residenti sauditi.

Le folle di milioni di pellegrini provenienti da tutto il mondo potrebbero essere un focolaio di trasmissione del virus, e in passato alcuni fedeli sono tornati nei loro paesi con malattie respiratorie e di altro tipo.

A febbraio, il governo ha sospeso l’ingresso nel regno da 20 paesi, ad eccezione dei diplomatici, dei cittadini sauditi, dei medici e delle loro famiglie, per aiutare a frenare la diffusione del nuovo coronavirus. Il divieto, che è ancora in vigore fino ad oggi, include persone che arrivano dagli Emirati Arabi Uniti, dalla Germania, dagli Stati Uniti, dalla Gran Bretagna, dal Sudafrica, dalla Francia, dall’Egitto, dal Libano, dall’India e dal Pakistan.

Maddalena Ingroia