ARABIA SAUDITA. Aramco contro il tetto UE al prezzo del petrolio

96

Il capo della saudita Aramco ha dichiarato martedì che i piani europei di fissare un tetto alle bollette energetiche per i consumatori e di tassare le compagnie energetiche non sono soluzioni utili né a lungo termine per la crisi energetica globale, causata in gran parte dal sottoinvestimento negli idrocarburi.

«Il congelamento o il tetto delle bollette energetiche può aiutare i consumatori nel breve termine, ma non affronta le cause reali e non è una soluzione a lungo termine», ha dichiarato il direttore generale Amin Nasser in un forum in Svizzera; «E tassare le aziende quando si vuole che aumentino la produzione non è certo utile», riporta Arab Weekly.

I governi di tutta Europa hanno stanziato centinaia di miliardi di euro in tagli fiscali, elargizioni e sussidi per affrontare una crisi energetica che sta facendo salire l’inflazione, costringendo le industrie a chiudere la produzione e facendo lievitare le bollette in vista dell’inverno.

Secondo i piani dell’Ue annunciati la scorsa settimana, i profitti eccessivi delle società energetiche verrebbero scremati e ridistribuiti per alleviare l’onere sui consumatori.

Martedì scorso Nasser, che dirige Aramco, il più grande esportatore di petrolio al mondo, ha dichiarato che la causa del problema è da ricercarsi nei continui investimenti insufficienti negli idrocarburi, in un momento in cui le alternative ai combustibili fossili non sono ancora facilmente disponibili.

«Il conflitto in Ucraina ha certamente intensificato gli effetti della crisi energetica, ma non ne è la causa principale (…) Purtroppo, anche se il conflitto dovesse cessare oggi, come tutti noi desideriamo, la crisi non finirebbe», ha aggiunto.

Aramco ha investito per aumentare la capacità petrolifera del Regno a 13 milioni di barili al giorno entro il 2027, ma Nasser ha avvertito che gli investimenti globali negli idrocarburi sono ancora «troppo pochi, troppo lenti, troppo a breve termine».

La scarsità di investimenti arriva in un momento in cui la capacità di riserva è scarsa e la domanda è “abbastanza sana” nonostante i forti venti economici.

La capacità inutilizzata effettiva a livello mondiale è pari a circa l’uno e mezzo per cento della domanda globale e le scorte di petrolio sono basse, ma un “fattore di paura” impedisce ancora gli investimenti critici nel settore del petrolio e del gas e fa sì che i progetti a lungo termine si “riducano”, ha affermato: «Quando l’economia globale si riprenderà, potremo aspettarci un’ulteriore ripresa della domanda, eliminando la poca capacità produttiva di riserva… ecco perché sono seriamente preoccupato».

Nasser ha affermato che la crisi energetica non significa che gli obiettivi climatici debbano cambiare, ma che il mondo ha bisogno di un piano di transizione energetica più fattibile.

«Il miglior aiuto che i politici e tutti gli stakeholder possono offrire è quello di unire il mondo attorno a un nuovo piano di transizione molto più credibile», ha poi detto.

Antonio Albanese