SUD SUDAN. Giuba lascia il Kenya e dà a Gibuti la gestione del suo import-export

82

La direttiva della nuova amministrazione del Kenya di riportare i servizi di sdoganamento delle merci al porto di Mombasa dall’Inland Container Depot, Icd, di Naivasha ha spinto il Sud Sudan a cercare una rotta alternativa a Gibuti.

Il nuovo Stato africano aveva già acquistato tre acri di terreno nel porto di Gibuti per la costruzione di una struttura che avrebbe gestito le sue merci di importazione ed esportazione.

Questa mossa arriva solo due mesi dopo che la Camera di Commercio del Sud Sudan ha dichiarato che sposterà il suo carico al porto di Gibuti, che è il più grande porto del mondo e che ha definito conveniente per il più giovane Stato africano.

Il ministro del Petrolio del Paese, Puot Kang Chol, secondo quanto riportato dai media locali, riporta Garowe, ha dichiarato: «Nel corso degli anni abbiamo utilizzato solo Port Sudan e Mombasa, ma di recente abbiamo deciso di andare a Gibuti e, mentre vi sto parlando, siamo atterrati a Gibuti».

Il terreno di tre acri è stato acquistato dal ministero del Petrolio allo scopo di esportare il greggio del Paese e di utilizzarlo per le importazioni.

La decisione delle nazioni produttrici di petrolio colpirà sicuramente il porto di Mombasa dal punto di vista economico, dato che il Sud Sudan è il secondo cliente del Kenya dopo l’Uganda, con il 9,9% dei volumi di transito. Anche Pechino ha espresso la sua contrarietà alla decisione.

L’Uganda rappresenta l’83% di tutti i carichi in transito, seguita dalla Repubblica Democratica del Congo, Tanzania e Ruanda, rispettivamente con il 7,2, 3,2 e 2,4 per cento.

Secondo Chol «Se qualcuno di voi ha delle merci e vuole portarle attraverso Gibuti, noi abbiamo la terra e avremo uno spazio per voi per ospitare i vostri materiali o qualsiasi cosa si voglia portare».

Durante il giuramento della scorsa settimana, William Ruto ha emanato una direttiva per cui tutte le merci in entrata devono essere sdoganate a Mombasa.

La precedente amministrazione guidata da Uhuru Kenyatta aveva assegnato al Sud Sudan e all’Uganda un terreno a Naivasha per la costruzione di un porto secco, che avrebbe dovuto essere utilizzato come base di partenza, per la costruzione di un interporto, che avrebbe visto le merci destinate a entrambi i Paesi sdoganate presso l’impianto Icd per risparmiare ai camionisti il lungo viaggio fino a Mombasa.

L’ex direttore generale dell’Autorità portuale del Kenya, Daniel Manduku ha affermato che l’inefficienza della movimentazione dei carichi nel porto di Mombasa ha avuto un impatto sulla sua competitività: «Nel 2015, quando sono entrato a far parte della Kpa, il porto di Mombasa era inefficiente nella movimentazione dei carichi e operava al di là degli standard internazionali; di solito le navi che attraccano al porto di Mombasa passano più di un mese prima che i carichi vengano sdoganati, il che è negativo per il business logistico globale».

Manduku ha inoltre dichiarato che «c’è stato un accordo “take and pay” tra il Kenya e il governo cinese per garantire che il carico sia trasportato attraverso il sistema di trasporto standard, in modo da generare denaro per il rimborso dei prestiti utilizzati per costruire la stessa ferrovia. Le Ferrovie del Kenya devono essere competitive con i trasportatori di merci su strada per garantire un sistema più efficiente per aumentare la generazione di entrate».

Durante la campagna elettorale, Ruto aveva promesso di restituire i servizi portuali a Mombasa se fosse stato eletto presidente alle elezioni di agosto.

Lucia Giannini