ISRAELE. IDF in prima linea contro il COVID 19

36

Israele è apparso come un modello di gestione delle crisi la scorsa primavera, quando il coronavirus è arrivato per la prima volta. Le autorità hanno rapidamente sigillato le frontiere e imposto severe misure di blocco, riducendo il numero di nuove infezioni a una manciata ogni giorno di maggio.

Ma l’Amministrazione ha riaperto l’economia troppo rapidamente, e il virus è tornato presto. Per tutta l’estate, il tasso di nuovi casi è rimasto a livelli record, mentre il numero di morti è salito costantemente a più di 900 persone. Sotto una forte pressione pubblica, il primo Ministro Benjamin Netanyahu ha nominato a luglio Ronni Gamzu come “responsabile del progetto nazionale per il coronavirus”, riporta Ap.

Uno dei primi atti di Gamzu è stato quello di rivolgersi all’esercito per chiedere aiuto, dandogli la missione critica di spezzare la catena delle infezioni: «Bisogna avere le migliori forze operative, e in Israele, sono le IDF», ha detto ai giornalisti, riferendosi alle forze di difesa israeliane.

Fondato sulla scia degli attacchi missilistici iracheni Scud contro Israele durante la guerra del Golfo del 1991, il Comando del fronte interno serve come forza di difesa civile di Israele. Aiuta a mantenere la rete di rifugi antiaerei e sirene antiaeree del Paese, ed è addestrato ad assistere i civili durante le guerre e i disastri naturali. Ha inviato squadre di soccorso in tutto il mondo per aiutare i paesi che devono affrontare terremoti, tsunami e altre emergenze.

Per mesi, il comando ha gestito una rete di hotel coronavirus, fornendo sia strutture di isolamento che servizi di recupero per le persone infette con sintomi lievi. I suoi soldati hanno anche distribuito cibo e rifornimenti nelle zone più colpite – comprese le comunità che hanno avuto pochi contatti con i militari, come le città arabe e i quartieri ebrei ultra-ortodossi.

A capo del Home Front Command dell’esercito israeliano, è il generale Ori Gordin; la sua responsabilità principale è quella di prendere l’iniziativa nel rintracciare i contatti e spezzare le catene di infezione. Gordin ha detto che la fiducia del pubblico nell’esercito è forse la sua risorsa più importante. Ha detto che anche l’esperienza dell’esercito nella gestione delle emergenze e il suo bacino di manodopera senza fondo sono punti di forza chiave.

Lavorando sotto la direzione del ministero della Salute, la sua task force agisce in gran parte come coordinatore e organo di supporto per le autorità civili in quattro aree chiave: espandere il numero di test; lavorare con i laboratori per accelerare i risultati; intervistare coloro che sono stati infettati per identificare chi è stato in contatto con loro; e mettere rapidamente in quarantena coloro che sono a rischio. Sta inoltre lavorando a stretto contatto con i comuni, altri ministeri del governo, i servizi di soccorso medico, la polizia e i laboratori pubblici e privati per contribuire a snellire la risposta nazionale.

Israele non è il primo ad arruolare i militari nella guerra al coronavirus. In tutta l’America Latina, i soldati hanno consegnato cibo, monitorato il traffico e imposto ordini di soggiorno a domicilio, mentre in Cina, l’ala militare del Partito comunista ha portato circa 1.400 medici, infermieri ed esperti nella città di Wuhan, l’epicentro della pandemia, per costruire due ospedali e curare i pazienti all’inizio di quest’anno.

Una task force guidata dall’esercito in Australia ha aiutato le autorità locali a rintracciare i contatti, e la Spagna ha annunciato la scorsa settimana che l’esercito sta offrendo 2.000 soldati ai governi regionali per aiutare a rintracciare i contatti. Considerando le dimensioni relativamente piccole di Israele, che conta solo 9 milioni di persone, la nuova task force sembra essere tra gli sforzi più ambiziosi del mondo. Ha già arruolato 2.300 soldati e prevede di arrivare presto a 3.000, oltre ai numerosi funzionari civili locali e medici.

Mentre la task force è ancora in fase iniziale, Gordin ha detto di essere già riuscito ad aumentare il numero di test giornalieri e ad abbreviare i tempi per ricevere i risultati. I soldati hanno condotto quasi 2.000 interviste: «Penso che entro il 1° novembre dovremmo avere il controllo della situazione. Questo è il nostro obiettivo», ha detto.

Antonio Albanese