AMBIENTE. Sono aumentati i sussidi statali per combustibili fossili

38

I governi di tutto il mondo hanno fatto finta di non sentire sull’accordo per eliminare i sussidi per i combustibili fossili. Al vertice COP26, i leader nazionali hanno promesso di eliminare gradualmente i sussidi “inefficienti” per aiutare a combattere il riscaldamento globale, ma hanno fatto il contrario e li hanno aumentati.

Secondo il Fondo monetario internazionale, i sussidi ai combustibili fossili sono aumentati da 2 a 7 trilioni di dollari, mentre i governi di tutto il mondo cercano di proteggere i consumatori dall’aumento dei prezzi dell’energia, riporta AF.

All’incontro sul clima di quest’anno a Dubai, i paesi dell’UE cercheranno di rafforzare l’accordo COP26 per eliminare gradualmente i sussidi spingendo per una scadenza del 2030 per realizzarlo, ma non è chiaro quanto sostegno otterrà la proposta.

I governi dell’Ue sono stati tra quelli che hanno aumentato il sostegno ai combustibili fossili dopo Glasgow, principalmente come risposta alle preoccupazioni sulla sicurezza energetica in seguito all’invasione russa dell’Ucraina.

Ma i combustibili fossili vengono ancora sovvenzionati. Secondo il Fmi, i sussidi totali della Cina ai combustibili fossili sono stati i più alti al mondo, pari a 2,2 trilioni di dollari nel 2022, pari al 12,5% del Pil totale del paese. La maggior parte dei sussidi sono “impliciti”, una categoria che include la sottostima dei costi ambientali o la rinuncia alle entrate fiscali. Il sostegno offerto alle centrali elettriche a carbone comprende finanziamenti diretti, prestiti preferenziali e garanzie per l’acquisto di energia.

A novembre la Cina ha anche presentato un nuovo programma che paga le centrali elettriche a carbone non per l’elettricità che forniscono, ma per rendere la capacità pronta e disponibile per la rete quando necessario, una misura utilizzata anche dagli operatori di rete negli Stati Uniti per mantenere attivi tali impianti.

La Cina interviene regolarmente anche per mantenere bassi il potere dei consumatori e i prezzi del carburante. Ad esempio, sovvenziona le sue raffinerie quando i prezzi globali del petrolio superano i 130 dollari al barile in modo che possano mantenere i prezzi del carburante accessibili. La transizione del Paese verso l’energia solare sta procedendo a pieno ritmo, con oltre 140 GW installati finora quest’anno, e si ipotizza che le emissioni inizieranno a diminuire a partire dal 2024.

Non sono da meno Stati Uniti. I sussidi statunitensi ai combustibili fossili si estendono a tutto il codice fiscale statunitense, il che rende complesso dettagliarne i costi. Secondo le stime del Fondo monetario internazionale, nel 2022 ammonterebbero a 760 miliardi di dollari, una cifra superata solo da quella della Cina. Una delle agevolazioni fiscali statunitensi chiamate costi di perforazione immateriali consente ai produttori di detrarre la maggior parte dei costi derivanti dalla perforazione di nuovi pozzi petroliferi. Il comitato congiunto sulla tassazione, un comitato apartitico del Congresso, ha stimato che la sua eliminazione potrebbe generare 13 miliardi di dollari in un decennio.

Un’altra, l’agevolazione fiscale percentuale sull’esaurimento che consente ai produttori indipendenti di recuperare i costi di sviluppo delle riserve di petrolio, gas e carbone in calo, potrebbe generare circa 12,9 miliardi di dollari di entrate in 10 anni.

Secondo il Fondo monetario internazionale, l’anno scorso il principale esportatore mondiale di gasolio via mare e il terzo produttore di petrolio hanno speso 420 miliardi di dollari in sussidi ai combustibili fossili: parliamo della Russia.

Sono inclusi i pagamenti alle raffinerie di petrolio per compensarle per la vendita di carburante sul mercato interno invece di esportarlo a prezzi più alti.

Sempre secondo il Fondo monetario internazionale, lo scorso anno i sussidi ai combustibili fossili in India sono ammontati a 350 miliardi di dollari. Il carbone domina la produzione di elettricità dell’India e il paese è uno dei maggiori produttori al mondo: si tratta di esenzione dei dazi doganali sulle attrezzature per l’estrazione del carbone, tariffe di trasporto ridotte per le ferrovie a lunga percorrenza e prestiti a basso interesse per le centrali elettriche a carbone.

I produttori di petrolio e gas del Medio Oriente, tra cui il Qatar e l’Arabia Saudita, hanno ricevuto alcuni dei sussidi pro capite più elevati per i combustibili fossili, secondo i dati Fmi.

Maddalena Ingrao

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/