YEMEN. Esplode il colera a Sana’a

79

La capitale yemenita, Sana’a, sta vivendo una vasta epidemia di colera e gli ospedali sono al collasso.

Il suo principale ospedale, al-Sabeen Maternity and Child Hospital, è invaso dai pazienti afflitti dalla malattia.

Il surplus di pazienti con il colera ha spinto l’ospedale ben oltre la sua piena capacità e ha generato una crisi nell’assistenza sanitaria. Dal 6 maggio, i pazienti, tra cui molti bambini, sono stati ricoverati nei corridoi o messi in reparti improvvisati all’aperto.

Secondo il portavoce del ministero della Salute yemenita, Abdel Rahim al-Kahlani, «Il numero totale dei casi registrati ha raggiunto la cifra di 1350 in tutte le province dello Yemen, con due terzi nella capitale Sana’a. Da questo nasce il sovraffollamento dell’ospedale; comunque sono stati aperti quattro nuovi centri nella capitale», riporta Press Tv.

Più di due anni di guerra hanno raso al suolo più della metà di tutte le strutture sanitarie in Yemen, inoltre, ci sono carenze di medici in oltre il 40 per cento di tutti i distretti, secondo il ministero della Sanità.

La guerra hanno quindi creato una serie di rischi per la salute della popolazione: all’inizio di ottobre dello scorso anno, l’Organizzazione mondiale della sanità aveva annunciato la notizia dell’epidemia di colera nel paese in guerra e tre settimane dopo aveva riferito che il numero di casi in Yemen, compreso la capitale, era salito notevolmente.

Il colera viene trasmesso attraverso l’acqua potabile contaminata e potrebbe rivelarsi fatale fino al 15 per cento dei casi non trattati.

Quasi 3,3 milioni di persone dello Yemen, tra cui 2,1 milioni di bambini, soffrono attualmente di malnutrizione acuta, con più di sette milioni di Yemeniti che affrontano una situazione acuta.  persone dello Yemen.

Dal marzo del 2015, lo Yemen è stato bombardato dalla coalizione a guida saudita nella lotta contro gli Houthi nel tentativo di reinsediare Abd Rabbuh Mansur Hadi, presidente dello Yemen che ha rassegnato le dimissioni e alleato di Riad.

Lucia Giannini