VENEZUELA. Mosca voleva fare shopping antisommossa a La Valletta per Maduro 

129

La Russia ha ritirato la richiesta di attracco per una sua nave al porto di Malta con l’intento di acquistare attrezzature antisommossa e gas lacrimogeni da fornire al Venezuela.

Secondo quanto riporta Buzzfeed, ripreso da Malta Indipendent, La Valletta avrebbe comunque avuto l’intenzione di respingere la richiesta. Secondo Buzzfeed, l’ambasciata russa a Malta aveva presentato la richiesta il 28 marzo. Aveva chiesto che la nave Severomorsk ormeggiasse a Malta tra il 23 e il 26 aprile. Buzzfeed, citando ignote fonti governative maltesi, ha detto che la richiesta era che la nave attraccasse per l’approvvigionamento e il riposo. Inoltre, diplomatici russi stavano cercando di acquistare attrezzature antisommossa e gas lacrimogeno sull’isola, in modo da poterle poi imbarcare sulla nave russa.

Pochi giorni prima, Malta aveva negato alla Russia il permesso di usare il suo spazio aereo per far volare aerei militari a Caracas dalla Siria. Il governo russo ha descritto la decisione di Malta di chiudere il proprio spazio aereo agli aerei da trasporto militare russo diretti in Venezuela come «non amichevole».

Il portavoce del ministero degli affari esteri russo Maria Zakharova ha detto che il governo russo prenderà la decisione di Malta «in considerazione» quando verranno considerate le relazioni bilaterali con La Valletta, riporta Malta Today. Malta ha rifiutato due volte il permesso agli aerei militari russi diretti in Venezuela di utilizzare il suo spazio aereo dopo che una prima richiesta era stata accettata.

Zakharova ha detto che l’ambasciata russa a Malta aveva chiesto il permesso di permettere agli aerei russi diretti in Venezuela di passare attraverso lo spazio aereo di Malta. Ha riconosciuto che Malta ha esercitato il suo diritto sovrano, ma ha continuato a dire: «La soluzione del governo maltese non è amichevole….. naturalmente la Russia ne terrà conto nelle sue relazioni bilaterali con La Valletta». Il governo russo ha precisato che non gli è stata data una spiegazione per il rifiuto.

Graziella Giangiulio